Ghemistà (29)b

Ghemistà ovvero Verdure Ripiene Greche

Vi ho raccontato già che io faccio una scorpacciata di peperoni in autunno su questo post delle Bruschette con peperoni e olive e sempre grazie allo stesso produttore sono riuscita a trovare dei prodotti che mangio solo nella mia Sicilia i peperoni da fare ripieni.

Dopo un estate a mangiare quelli di mia madre non avevo voglia di replicare la sua ricetta e cosi mi sono concessa un’altra meraviglia dalla cucina mediterranea le Ghemistà non sono altro che verdure ripiene di riso tipiche della Grecia, sono semplicissime da preparare e sono anche vegane e senza glutine quindi perfette per quelle cene con amici e parenti dove mettere tutti d’accordo sempre praticamente impossibile.

La mia passione per la cucina, spesso va oltre i  ricettari, amo le ricette vere quelle fatte in casa, quelle della tradizione quelle che non si preparano nei ristoranti stellati (che non saprei neanche dove iniziare a replicare) La mia passione è fatta di sapori autentici che palano di famiglia e di amicizia e proprio grazie all’amicizia speciale che ho con A. ho avuto la sua ricetta dei Ghemistà, che viene direttamente dalla Grecia.

Ghemistà (66)b

Ingredienti per 4-5 persone

4 peperoni piccoli (qualunque colore)
4 pomodoro tondi grossi
3 patate medie
3 cipollotti o 1 cipolla rossa
2 spicchio d’aglio italiano
16* cucchiai rasi di riso (di qualunque tipo)
2 rametti di menta fresca
prezzemolo (facoltativo)
sale marino iodato fine
pepe nero macinato
olio evo

*2 cucchiai per ogni verdura da riempire

  • Inoltre 

Frullatore ad immersione
Teglia da forno

Tempo di preparazione 30 minuti + 1 ora cottura

Ghemistà (45)b

  • Preparare le verdure

Lavate i peperoni sotto l’acqua corrente con un coltello affilato rimuovete la calotta dalla parte del picciolo senza rimuoverlo con un cucchiaio togliete via i semi e la parte filamentosa, lavate l’interno e lasciate le verdure a sgocciolare.

Pelate le patate e tagliatele a pezzi abbastanza grossi mettetele a bagno in acqua fredda fino al momento di cuocerle.

Lavate i pomodori sotto l’acqua corrente, con un coltello affilato tagliate via la calotta con attaccato il picciolo e tenetele da parte. Con un cucchiaio scavate il pomodoro raccogliendo la polpa nel bicchiere de frullatore, mettete da parte i pomodori.

Ghemistà (61)b

  • Preparare il ripieno

Unite alla polpa di pomodoro il cipollotto o la cipolla tagliata a pezzi, l’aglio sbucciato, olio  evo abbondante, una generosa presa di sale e pepe e frullate il tutto fino ad ottenere un composto uniforme.

Versate la polpa di pomodoro in una scodella e unite il riso, le erbe aromatiche tritate finemente e mescolate bene, lasciate riposare per circa 30  minuti il composto cosi ottenuto.  Riempite le verdure per circa 3/4 del loro volume (il riso in cottura gonfia riempiendo il vuoto) e riposizionate le cupole sulla superficie delle verdure.

Togliete le patate dall’acqua, sgocciolatele, insaporitele con sale e pepe. Disponete le verdure farcite in una teglia da forno, e disponete le patate intorno alle verdure cosi che esse non si spostino, aggiungete abbondante olio e mezzo bicchiere di acqua.

Ghemistà (58)b

  • Cottura

Cuocete a 180°C per circa 1 ora, se necessario coprite con la carta stagnola per evitare che secchino, lasciate intiepidire leggermente le verdure prima di servirle in tavola, decorando con erbe aromatiche fresche.

Ghemistà (36)b

  • Consigli:

Se preparate le Ghemistà in anticipo e le riscaldate leggermente al momento di servirle in tavola saranno ancora più buone, perché tutti i sapori si uniranno fino ad esplodervi in bocca.

Possono anche essere surgelati in comode vaschette e una volta scongelati riscaldati al forno o in padella. Si conservano circa 3 mesi.

Ghemistà (21)b

Cucina Etnica
Grecia

Coach outlet

Share on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on FacebookShare on TumblrEmail this to someone

10 pensieri su “Ghemistà ovvero Verdure Ripiene Greche

  1. Natalia

    Sono proprio come te! Preferisco le ricette di casa, quelle semplici, fattibili e buonissime. E infatti quando mi imbatto in blogger che gentilmente pubblicano ricette di mamme, nonne o amiche io non me le faccio scappare, perché penso che le tradizioni culinarie siano qualcosa da cui attingere, imparare e trasmettere, dei veri e propri tesori.
    Naturalmente segno. Baci

    Rispondi
    1. piccolalayla Autore articolo

      Ciao Natalia, io non saperei neanche capace di replicare ricette di alta cucina … sono troppo pasticciona… ma le ricette regalate con il cuore sono sempre le migliori! A presto LA

      Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>