Archivi categoria: Secondi Piatti

Insalata di Pollo e Verdure con Feta Greca

Insalata di Pollo e Verdure con Feta Greca

Negli ultimi giorni sono stata poco in cucina, tra una corsa e l’altra un impegno e l’altro sempre indaffarata e lontana dai fornelli, ma occorre anche nutrirsi nonostante gli impegni ed eccomi a cedere alla tentazione della gastronomia del supermercato (si lo confesso!) per prendere del pollo allo spiedo già pronto (cosa avevate pensato!?!?!). Quante volte sarà capitato anche a voi di avanzarne e con il pollo allo spiedo ho preparato una buonissima insalata di pollo e verdure, arricchita con feta greca ed erbe aromatiche del mio balcone.

Preparare l’insalata di pollo e verdure dal pollo allo spiedo è veramente facile e veloce se avete poco tempo a vostra disposizione, ma naturalmente se volete potete anche cucinare voi stessi il pollo in casa al forno o sul bbq (uno dei miei piatti preferiti!) aromatizzandolo con delle erbette aromatiche, il risultato sarà ancora più buono e sopratutto salutare.

L’Insalata di Pollo e Verdure è un piatto freddo perfetto per l’estate e adatto a tante occasioni che potete rendere vostro aggiungendo salse o verdure a piacimento o semplicemente giocare con le erbe aromatiche e con i formaggi che più amate.

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

goedkope energie

Le Melanzane in agrodolce un delizioso contorno siciliano

Melanzane in Agrodolce alla Siciliana

Le Melanzane in Agrodolce alla Siciliana sono un contorno delizioso e sfizioso che tutti al mondo conoscono, o almeno spero, perché sono buonissime e profumatissime. Ricordo sin da bambina la loro presenza sulla tavola, che fosse un giorno di festa o una classica giornata di primavera estate, si preparano in pochi minuti e piacciono sempre a tutti. Avevo quasi dimenticato quanto fossero buone queste melanzane in agrodolce fino a quando grazie all’uscita dell’ Italia nel piatto per il mese di giugno non è stato scelto il tema:

“Contorni e dintorni”

Sulle tavole italiane i contorni non mancano mai, spesso possiamo trovare una semplice insalata o qualcosa di più goloso e appetitoso per accompagnare i nostri secondi piatti e perché no, diventare essi stessi un secondo piatto arricchendolo e rendendolo speciale.

Le melanzane in agrodolce alla siciliana sono una ricetta molto semplice e poco laboriosa, che se preparata in anticipo ci dona il meglio di se, trasformando  il mix di zucchero e aceto accompagnato dalla menta qualcosa di unico e speciale. Potete servirle a temperatura ambiente o conservarle in frigorifero, tuttavia ricordatevi solo di farle acclimatare prima di portarle in tavola con un buon bicchiere di vino siciliano e un tozzo di pane di semola con cui fare scarpetta.

Insomma queste melanzane in agrodolce alla siciliana vi stupiranno per quanto sono buone e stregheranno tutta la vostra famiglia.

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Polpette di Bollito con Verdure

Polpette di Bollito con Verdure buonissime

Avete visto che tempo c’è fuori? Ti svegli al mattino che è primavera, a pranzo siamo in estate piena e a cena in autunno con pozzanghere d’acqua giganti per strada. Insieme a questo tempo pazzo anche in cucina non si sa più cosa cucinare ed ecco che avevo messo sul fuoco un pentolone di bollito per preparare il brodo, con cui ho cotto i canederli (si a maggio abbiamo mangiato canederli) e con tutta questa carne cosa ci preparo? ma le Polpette di Bollito con Verdure. 

Queste buonissime polpette del riciclo si preparano in pochi minuti una volta che il vostro bollito è stato cotto a fuoco lento per ore e si possono gustare calde o fredde secondo il vostro gusto personale. Potete servirle a tutta la famiglia come secondo piatto di carne o preparare delle deliziose alternative per un aperitivo sfizioso.  Questa ricetta assomiglia molto ad una ricetta tipica milanese i mondeghili preparati con avanzi di carne bollita, carne macinata e trito di salumi cotte rigorosamente in burro.

Naturalmente potete cuocere le Polpette di Bollito con Verdure al forno o friggerle in olio caldo poche per volta fino ad ottenere una deliziosa crosticina golosa. Io le ho servite in tavola con un insalata tenera e dei pomodorini di Pachino.

Ingredienti per 6 persone

Continua a leggere

Torta salata con Zucchine e Cipolle

Torta salata con Zucchine e Cipolle

G. nelle ultime settimana ha pranzato spesso a lavoro e non sapendo più cosa preparargli di sfizioso per sostituire il solito panino o l’insalata di pasta ecco arrivare in soccorso della pasta sfoglia abbandonata in frigo (comprata per un eventuale emergenza durante la festa del suo compleanno) ed ecco nascere la torta salata con zucchine e cipolle al profumo di origano.

Così ho voluto riproporvi una ricetta buonissima preparata tempo fa’ la torta salata con cipolla di Breme e zucchine, una cipolla DOP tipica della zona in cui vivo ma particolarmente difficile da trovare in commercio fuori dalla pianura padana, modificandola per permettere a tutti di gustarla in casa con gli ingredienti comuni. Ho scelto di arricchire la torta salata con zucchine e cipolle con formaggio scamorza a dadini e del prosciutto a dadini ma quest’ultimo in caso voi siate vegetariani o non amiate gli insaccati è facilmente trascurabile aggiungendo dei dadini di formaggio in più o scegliendone uno più adatto ai vostri gusti.

A inizio primavera sul mio balcone una piantina di origano, e in breve tempo anche merito del sole è diventata enorme e profumata cosi ho avuto la possibilità di iniziare a raccogliere i rametti ed usarli in cucina vi assicuro che il profumo è qualcosa di speciale ben diverso da quello che si compra, e ha dato un tocco unico a questa ricetta di torta salata con zucchine e cipolla, ben diverso da quello del supermercato in comodi vasetti ma naturalmente poco profumato. 

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

La ricetta siciliana del Cacio all'Argentiera

Cacio all’Argentiera una delizia siciliana

La ricetta del Cacio all’Argentiera è stata proprio una favolosa scoperta. Qualche tempo fa’ mi sono ritrovata a chiacchierare con la mia amica F. di cucina siciliana, nonostante siamo entrambe siciliane veniamo da due province diverse; la Sicilia è un territorio vasto e variegato (non c’è solo il mare, ma anche montagne, colline e pianure e ogni provincia ha produzioni agricole e commerciali diverse) spesso le ricette con i km cambiano radicalmente, grazie a lei ho scoperto la frascatura siciliana. Ed è proprio durante una nostra chiacchierata su come cucinare il coniglio che è venuta fuori questa ricetta e nello stesso giorno noi dell’Italia nel Piatto abbiamo deciso il tema di magio dell’uscita:

“Maggio – Formaggio”

e quale migliore occasione se non postare una ricetta autentica siciliana come quella del

Cacio all’Argentiera o Coniglio all’Argentiera

La storia ci narra che nella città di Palermo, in via Argentieri (nei pressi del mercato la “Vucciaria” mercato storico di Palermo tutt’oggi funzionante), la via dove vi erano le botteghe degli argentieri e degli orafi. Una delle famiglie caduta in bassa fortuna non potendosi più permettere piatti costosi e manicaretti goduriosi il cui profumo invadeva le vie circostanti stuzzicando l’invidia dei vicini. Per nascondere il momento di disaggio economico la moglie brava cuoca inventò con  i pochi e umili ingredienti che aveva in casa questa ricetta, con abili mosse inebriava giorno dopo giorno le vie di magico profumo, facendo credere a tutti che nella sua cucina i pentoloni erano pieni di ogni ben di Dio, inventando cosi la ricetta del Cacio all’argentiera il cui profumo è molto simile a quello del più costoso e signorile piatto di coniglio alla stimpirata (altra tipica ricetta siciliana).

Il formaggio Ragusano DOP

utilizzato per questa ricetta tipica è uno dei prodotti più antichi della produzione casearia siciliana se ne parla già dei documenti del 1500. E’ un formaggio a base di latte vaccino e presenta una forma rettangolare (circa 15 cm x 40 cm e pesa tra i 13 e i 16 kg per forma), ben diverso da tanti altri formaggio della zona e del resto d’italia.

La produzione del formaggio Ragusano DOP segue l’antico disciplinare di produzione utilizzando latte di due o più mungiture a cui viene aggiunto: caglio in pasta di capretto o agnello, acqua e sale. La massa ottenuta viene cotta per due volte a 80°C. Il prodotto una volta lavorato e ottenuto viene raccolto in contenitori in legno detti “mastredde” con la caratteristica forma di parallelepipedo. Le forme di formaggio vengono immerse in salamoia da due a otto giorni, in base al peso.

La stagionatura avviene in camere umide con temperatura tra i 14°C e i 16°C per un periodo che va dai 4 mesi ad un anno. Il sapore cambia in base alla stagionatura: aromatico e dolce quando il formaggio è giovane, diventando più piccante al prolungamento man mano che procede la stagionatura.

Naturalmente come avrete sentito spesso parlare su questo blog e sui libri di cucina regionale siciliana il formaggio Ragusano DOP chiamato anche

Caciocavallo

è molto utilizzato nella preparazione di piatti tipici della gastronomia siciliana insieme al formaggio pepato (un pecorino ricco di pepe in grani dal sapore pungente).

La ricetta siciliana del Cacio all'Argentiera

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Uova alla fiorentina con spinaci e besciamella

Uova alla Fiorentina in Cocotte cotte in Forno

Le uova alla fiorentina in cocotte non le conoscevo e voi?… ma grazie all’Italia nel piatto di questo mese e alla proposta della mia amica Giovanna (si sempre lei toscana doc ) ho avuto modo di scoprire una ricetta semplicissima e buonissima sul suo blog che sicuramente sfrutterò spesso. Stiamo parlando di una deliziosa cocottina ripiena di spinaci, besciamella e uova con una spolverata di formaggio parmigiano grattugiato per rendere il tutto buonissimo e golosissimo.

La ricetta delle uova alla fiorentina potrebbe entrare di diritto nei miei comfort food e poi è la ricetta perfetta che mette tutti d’accordo nella mia cucina! In breve vi spiego perché io adoro gli spinaci e G. la besciamella, ma raramente le due cose le metto insieme in unico piatto quindi mi trovo spesso a dover cucinare per lui una versione di spinaci in padella molto molto conditi e per me invece, che amo le verdure con il loro sapore naturale, lisciarli semplici conseguenza il doppio di piatti da lavare.

Naturalmente ho seguito i consigli di Giovanna e come lei mi suggerisce potete scegliere di preparare questa ricetta in un unica teglia formando più spazi per le uova, tuttavia io trovo molto più carino servire in tavola le monoporzioni e permette a tutti di avere il giusto mix di ingredienti, inoltre usando le coccotte di gres o di ceramica il contenuto rimane caldo più allungo permettendovi di gustarlo con relativa calma.

Sebbene io non sia una grande mangiatrice di uova, questa ricetta mia ha stregato e spero di prepararla nuovamente a breve e vi confesso che se penso alle Uova ci sono alcune ricette che mi fanno ricordare l’infanzia e i sapori di casa dei miei nonni come i pisci d’ovu e le uova al pomodoro.

Quando ero piccola le uova venivano dal pollaio della zia freschissime e buonissime. Vivere in campagna però mi permette di avere spesso uova fresche grazie ad amici che le allevano in cortile e alle volte non solo quelle di gallina ma anche oca e quaglia.

Ovviamente se vi capita di avere questa fortuna ricordatevi però di lavare le uova sotto l’acqua corrente prima di conservarle in frigorifero, cosi sarete sicuri di poterle toccare e cucinare senza contaminazioni esterne.

uova alla fiorentina con spinaci e besciamella cotte in forno

Ingredienti per 2 persone

Continua a leggere

La Francesina Toscana piatto del riuso

La Francesina Toscana piatto del riuso

Qualche mese fa’ per un uscita dell‘Italia nel piatto con il tema del riuso del cibo la mia amica Giovanna ha postato una ricetta che mi ha subito stuzzicato e dopo pochissimo tempo l’ho voluta provare a farla a casa. G. la ha apprezzata e ora la preparo cosi spesso quando mi avanza la carne e le verdure del bollito o del lesso che voglio farla conoscere anche a voi, stiamo parlando della Francesina Toscana come la chiamano a firenze o Lesso rifatto come è conosciuta nel resto della Toscana. Una vecchia ricetta del riuso, che impiega i resti del lesso o del bollito di carne con il suo brodo.

Confessatelo che anche a voi avanza sempre un po’ di carne e dopo aver preparato: l’insalata e le polpette non sapete più cosa farne; ma con i tempi che corrono non si deve sprecare nulla ecco la ricetta perfetta per servire in tavola un piatto buonissimo e goloso per tutta la famiglia.

Naturalmente il bollito o il lesso lo potete preparare con qualunque tipo di carne voi vogliate, nel mio caso ho scelto di usare: manzo nel taglio biancostato e mezza gallina (comprata da un contadino locale allevata secondo i migliori criteri come un nonno farebbe per i propri nipoti).

Inoltre prima di passare alla ricetta della francesina toscana o lesso rifatto voglio lasciarvi le parole di Pellegrino Artusi tratte da “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” un libro che ognuno di noi dovrebbe aver nella propria libreria in cucina, dove ho anche trovato la sua versione di lesso rifatto arricchito con carnesecca e funghi secchi.

Brodo

Lo sa il popolo e il comune che per ottenere il brodo buono bisogna mettere la carne ad acqua diaccia e far bollire la pentola adagino adagino e che non trabocchi mai. Se poi, invece di un buon brodo preferite un buon lesso, allora mettete la carne ad acqua bollente senza tanti riguardi. E’ noto pur anche che le ossa spugnose danno sapore e fragranza al brodo; ma il brodo di ossa non è nutriente.

Come ci consiglia il grande Artusi per un buon brodo occorre fare il bollito: partendo da acqua fredda aggiungendo anche le ossa e qualche erbetta profumata (sedano,basilico,alloro) facendolo cuocere a fuoco bassissimo per tante ore; mentre se vogliamo ottenere un buon pezzo di carne da servire in tavola occorre preparare il lesso immergendo la polpa di manzo nell’acqua bollente.

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Pisci dOvu

Pisci d’Ovu le Frittatine di Uova Siciliane

Aprile!!!! Eccoci nuovamente al 2 del mese e oggi si parla di cucina regionale e io vi parlo della mia terra con una ricetta siciliana naturalmente perfetta per la primavera che mi fa tornare all’infanzia: i Pisci d’Ovu o Uova a pisciteddu, vi state domandando cosa sono? Ma delle deliziose frittatine di uova condite con formaggio e pane grattugiato.

Noi foodblogger dell’Italia nel Piatto abbiamo scelto per il mese di Aprile un tema che sa di primavera e di pasqua, pasquetta che cade giusto oggi:

“Le uova: di tutto, di più.”

Le uova di ogni tipo e genere che troviamo in natura da quelle di volatili: gallina, quaglia, oca, ecc a quelle di pesce: caviale, bottarga ecc. Quando abbiamo scelto questo tema abbiamo pensato agli ingredienti della primavera, senza risultare banali o monotoni ed eccoci a parlare di uova l’ingrediente che rappresenta l’arrivo di questa stagione.

Voglio raccontarvi di questa ricetta a me tanto cara: gli ingredienti che compongono i pisci d’ovu sono veramente pochissimi ma il risultato è buonissimo. Li preparava mia nonna e le prepara tutt’oggi mia madre, le preparo anche io e G. le apprezza! Quando ero piccola comparivano spesso in tavola utilizzando gli avanzi di pangrattato condito degli involtini di carne alla messinese o delle verdure ripiene, ma tranquilli potete usare anche la panatura delle cotolette alla milanese. Le preparo anche quando non ho idee per la cena e voglio qualcosa di buono ma allo stesso tempo veloce e senza impegno. Si perché per parare questi deliziosi pisci d’ovu ci vogliono: una scodella, una forchetta, un cucchiaio e una padella per friggere.

Come ogni ricetta povera e semplice,

ogni famiglia ha la sua variante e potete trovare versioni diverse di questa ricetta dei pisci d’ovuIn Sicilia esistono tantissime versioni di questo piatto, chi come me le prepara in piccole porzioni, chi invece ne prepara una grande e la farcisce al suo interno, chi le immerge nella salsa di pomodoro e chi il pomodoro lo aggiunge a dadini all’interno dell’impasto, c’è chi mette l’aglio e chi il basilico. 

Io oggi voglio proporvi la versione di pisci d’ovu più semplice quella che preparo tutte le volte che ne ho voglia a cui se volete potete aggiungere del formaggio a pasta filata che le rende golose e ricche anche per i più piccoli;

I pisci d’ovu sono perfetti per una cena in famiglia  ma anche per un aperitivo rinforzato, per stuzzicare i vostri bambini a tavola e per renderlo un pasto completo basta servirle con pane casareccio o pane di semola siciliano e insalata di stagione.

Se volete arricchire i pisci d’ovu potete aggiungere al loro interno  per la versione vegetariana: piselli, fave o semplici pezzettini di carote sbollentate, spinaci freschi e dadini di prosciutto o mortadella per la versione a base di carne. Ma tranquilli qualunque altro ingrediente che avete a disposizione nella vostra cucina andrà bene per arricchire questa ricetta della cucina contadina siciliana.

Pisci d'Ovu

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere