Archivi tag: Pesce

pesto peperoni grigliati (31)b

Pesto di Peperoni Grigliati e Pomodori Secchi

Eccomi con un altra ricetta a base di peperoni, si lo ammetto ho riempito il frigo quasi a farlo tracimare di questi ortaggi ma li adoro e trovarli appena raccolti alle volte ti prende la mano, come vi raccontavo qui.

A G. piacciono tanto i peperoni grigliati senza aggiunta di nessun condimento e quando non so cosa fare di contorno ne butto sempre due sulla piastra e li lascio andare per i fatti loro fin ché la casa non è inondata dal loro magico profumo. Alle volte esagero e ne preparo fino a riempire una scodella, noi siamo in due mica possiamo mangiare peperoni grigliati all’infinito cosi dopo essermi accorta quanti peperoni avevo realmente grigliato non mi sono persa d’animo ho impugnato il mio frullatore ad immersione ed ecco il condimento per la pasta è pronto. Potete creare una ricetta vegana o renderla perfetta al palato degli onnivori aggiungendo alici e formaggio pecorino grattugiato.

Io ho usato uno spaghetto di grano duro ma nessuno ci vieta di usare qualunque formato di pasta voi vogliate fresca o secca che sia. L’importante che sia ruvida e rustica per sposarsi a meraviglia con il sapore del pesto di peperoni grigliati e pomodori secchi.

pesto peperoni grigliati (57)b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

spaghetti_zucchine_curcuma (1)b1

Spaghetti alla Chitarra con Zucchine e Curcuma

Adoro preparare la pasta in casa, e un formato che faccio spesso sono gli spaghetti alla chitarra. E’ una pasta povera originaria del centro-sud Italia, che prende diversi nomi in base alle dimensioni (troccoli, scialatielli) il più conosciuto è quello di spaghetti alla chitarra, un lungo spaghetto dalla forma quadrata fatta di semola e acqua, è chiamata Chitarra perché viene preparata usando un apposito attrezzo fatto con corde di chitarra, potete acquistarlo quied è molto divertente usarlo, altrimenti potete munirvi di una trafila per la macchina sfogliatrice come nel mio caso.

Io ne preparo sempre in abbondanza e li surgelo su comodi vassoi porzionati, cosi da poterli usare quando voglio e in base al numero di commensali a tavola. Gli spaghetti alla chitarra si prestano per tantissimi usi e per rendere speciali anche i piatti più semplici. Il sughino di oggi è veramente semplicissimo, ma molto gustoso, fatto con zucchine (le ultime di stagione) e curcuma.

Per chi non conoscesse ancora la curcuma parliamo di una radice simile esteticamente allo zenzero che viene essiccata e grattugiata. La curcuma viene usata nelle cucine etniche di mezzo mondo per preparare il mix di spezie che noi chiamiamo curry o al posto dello zafferano nei paesi del Magreb, perché molto meno cara rispetto ai pistilli di questo fiore. Viene usata per insaporire, addensare e colorare le pietanze, ma allo stesso tempo ha un grande potere curativo per il fegato o almeno cosi si dice.

Se volete mettere a tavola qualcosa di sfizioso non vi resta che seguire la ricetta appena qui sotto e un nuovo piatto che profuma di spezie sarà pronto in pochi minuti.

spaghetti_zucchine_curcuma (9)b


Ingredienti per 4-5 persone

Continua a leggere

spaghetti_peperoni (31)b

Spaghetti Peperoni e Alici … rotolando verso Nord: Alto Lazio e Umbria

Siamo rientrati ormai definitivamente nella routine, ma in casa ci sono ancora tante cose da fare, come riordinare le attrezzature subacquee, quelle per il campeggio e non ultime quelle per il trekking che hanno viaggiato con noi lungo tutta l’italia.

Nel viaggio di rientro dalla Sicilia non ci siamo fatti scappare la possibilità di fare qualche altra tappa e scoprire la nostra meravigliosa Italia. Noi siamo dei viaggiatori normali anche se per evitare le code partiamo ad orari impensabili, in giorni di metà settimana ma quello che ci terroni dentro: carichiamo la macchina a dismisura, si! ho letteralmente saccheggiato gli armadi delle “caccavelle” di mia madre, portando con me le vecchie pentole dei miei nonni, un po di pops per le foto (per fortuna arrivati tutti interi), elettrodomestici (mia madre non li usa) e viveri: quintali e quintali di viveri. Si lo so starete pensando ma i supermercati ci sono anche al nord: ma vuoi mettere cuore di mamma che lascia partire il genero senza un quintale o due di: brioche siciliane, pesche tabacchiere, pomodorini di Pachino, cioccolato di Modica, biscotti secchi di ogni tipo e forma e dolciumi per le soste (più tutto quello che mi hanno portato mio fratello e mia cognata dal loro viaggio di nozze che spero di potervi far gustare presto).

mappa2

Fare 1200 km in un unica tirata non fa per noi e come ogni anno abbiamo deciso di dividere il viaggio in due facendo una sosta nel lazio o giù di li. Siamo arrivati sulle sponde del lago di Bolsena in provincia di Viterbo nell’alto Lazio al confine con la Toscana e l’Umbria, un lago di origine vulcanica, con un paesaggio bellissimo e dei luoghi meravigliosi. Il lago di Bolsena è conosciuto in tutto il mondo dai velisti e da chi fa kait surf, per le sue condizioni climatiche perfette, ciò si denota anche per i numerosi circoli velici. Il lago offre delle isole visitabili in battello e numerose attività ricreative.

lago bolsena 1b

Questo lago è ricco di vita e esiste anche un acquario a lui dedicato proprio nel paesino di Bolsena. Numerosi i campeggi che si affacciano sulle sponde del lago da cui è possibile visitare i borghi dei dintorni e godere della temperatura fresca che le sue acque regalano.

lago bolsena 2b

Mentre rotolavamo verso sud un posto mi aveva colpito e mi ero ripromessa di tornarci, scoprire che era solo a 20 km da noi è stato piacevole, cosi varcato il confine umbro siamo arrivati ad Orvieto una città deliziosa di cui mi sono innamorata e che voglio tornare a visitare. Arrivare in città è molto semplice ci sono due varchi con parcheggio a pagamento: in uno potete usare scale mobili scavate nella roccia o l’ascensore nell’altro il bus navetta che porta fino in centro. Una volta arrivati le indicazioni vi condurranno al Duomo magnifico e finemente decorato che svetta su una grande piazza su cui si aprono piccoli vicoli caratteristici e numerosi locali e botteghe di ceramiche tipiche della zona.

orvieto 2b

Abbiamo scelto di fare un tour guidato per la città sotterranea con una guida simpaticissima di nome Rosita. Le grotte di Orvieto non erano solo dei semplici magazzini ma dei luoghi dove si lavorava. La città sorge su una rocca composta da pozzolana e tufo, gli abitanti non avendo modo di allargare le proprie attività nella valle hanno deciso di scavare sotto le proprie case (si ogni grotta è sotto la casa del suo proprietario ad una profondità di 17 mt e le volte non potevano essere più larghe di 5 mt e per la maggior parte sono senza finestre o prese d’aria) e creare dei luoghi adatti allo svolgimento delle attività esistono oltre 1400 grotte censite ma molte di queste sono private, solo due appartengono al comune che le ha fatte diventare itinerario turistico.

orvieto 1b

Abbiamo visitato due tipi di grotte una grande molto fredda senza prese d’aria adibita a palmento/mulino/macina al cui interno è possibile scorgere ancora i pezzi e delle riproduzioni di macine e mulini per la produzione di olio d’oliva utile per l’illuminazione e in una seconda esposta invece al sole molto calda adibita all’allevamento del bestiame e del piccione da carne, un prodotto tipico della zona e per secoli ha sfamato le famiglie. Ogni famiglia scambiava i propri prodotti per procurarsi cibo acqua e altro.

orvieto 3b

Come in ogni visita che si rispetti occorre anche appagare la pancia, sfortunatamente il nostro tempo da dedicare al cibo non era tantissimo cosi abbiamo scelto di mangiare un panino con la porchetta e il formaggio pecorino tipico della zona, buonissimo ma spero di poter tornare presto e assaporare un vero piatto di umbricelli.panino

In estate nel mio frigo ci sono sempre i peperoni, mi aiutano a preparare contorni veloci e saporiti senza dovermi impegnare troppo ai fornelli quando la calura è eccessiva. Io li ho sempre adorati e non ho grandi problemi a digerirli con invece sento dire a tante persone.

Lo scorso anno ho preparato con i peperoni del contadino tante ricette, alcune sono veramente semplici come i peperoni grigliati e conditi ad insalata, altre un po più complesse ve li avevo già postate quando vivevo in Sicilia come gli involtini di peperone.

Qualche giorno fa presa dai mille impegni (uno tra tutti ascensore fuori uso tecnico in manovra per un intera mattinata, occorreva dargli retta perchè non conosceva il palazzo) era già tardissimo e non sapevo cosa mettere in tavola per pranzo. In frigo avevo poco e niente ma una volta presi peperoni in mano la lampadina si è accesa alla velocità della luce ed ecco in pochi minuti il pranzo era pronto.

A G. è piaciuto tanto questo condimento, dolcissimo e allo stesso tempo fresco e se ve ne avanza potete anche servirlo come contorno al pasto successivo insieme del pane a bruschetta, farete un figurone.
spaghetti_peperoni (6)b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

frise (13)b

Friselle con Pomodori Neri e Mozzarella di Bufala e un viaggio nella nostra Italia

Dopo un luglio estenuante ed afoso dove tentare di accendere i fornelli è stato presso ché impossibile per tutta l’Italia si è aggiunta un interminabile fila di eventi non particolarmente piacevoli pre-ferie, quando è arrivato agosto finalmente pensavo di potermi riposare e godere un po di relax, scrivere qualche post e magari farvi vedere qualche scatto in giro per l’italia.

Ma solo oggi sono riuscita a svuotare la macchina fotografica dalle foto delle nostre prime tappe in giro per l’Italia. Rotolando verso sud abbiamo incontrato un posto meraviglioso che in provincia di Frosinone: Isola del Liri, un piccolo paesino nell’entroterra che ho scoperto per caso un giorno su fb dopo aver fatto la prenotazione di una notte al bb; cos à di tanto speciale? oltre ad essere ordinato e tranquillo nonostante la foga estiva scoprire i meravigliosi giochi d’acqua della “Cascata grande” passeggiando per le vie  di Liri si avete capito bene, lungo la strada principale di questo delizioso paesino sarete rapiti dal rumore dell’acqua e dagli scrosci della cascata. In estate se volete potete sedervi a mangiare una buonissima pizza o degustare un aperitivo o un piatto godendovi questa vista meravigliosa e gioire della temperatura mite e fresca lungo il corso d’acqua ascoltando un po di musica.

liri

Ancora più a sud ecco il luogo magico della mia città dove Scilla e Cariddi si scontrano e rincorrono per godervi il magnifico gioco di correnti e vertici dall’unione dei due mari Jonio e il Tirreno, a Capo Peloro. Un posto che non ha bisogno di presentazioni e che tutti i viaggiatori che vanno e vengono dalla Sicilia hanno sicuramente notato traghettando.

capopeloro

Messina è la mia città natale, nonostante sia una città del sud con mille e più problemi e poco conosciuta dall’occhio del viaggiatore resta un posto speciale. Distrutta quasi interamente dal terremoto del 1908 è stata ricostruita sulle sue stesse “ceneri” come una fenice diventando un posto unico per chi approda sull’Isola. Il Duomo e il suo Campanile interamente meccanico, uno dei più belli al mondo ogni giorno alle 12.00 e alle 24.00 esatte si mette in moto raccontando la storia della nostra città. Sapete anche che a Messina c’è la campana più grande d’Europa? Sicuramente per chi vi passa la trova una cittadine poco attraente e tanto disordinata, la stessa sensazione che ho io tornando a casa ogni volta, ma quando torno nei posti per cui vale la pena visitarla mi rendo conto quanto questa città ha da offrire ai suoi cittadini e ai suoi turisti.

mde

Sapete che in centro a Messina in piazza Cairoli per l’esattezza, c’è ancora un vecchio chiosco  di bibite inaugurato nel 1871 e trasferito in piazza dopo il terremoto del 1908, al suo interno  si nasconde un antica macchina del selz.

sdrSullo stretto non può mancare la pesca tipica del pesce spada su imbarcazioni tipiche di nome Feluche. I pescatori avvistano il pesce spada usando l’antenna verticale mentre un altro pescatore si trova sulla lunga passerella orizzonta che sovrasta il pesce e lo arpiona.dig

Per chi ama il mare come me e G. è una tappa fissa delle nostre ferie è fare un giro in barca a vela, veleggiando fino alle Isole Eolie, le 7 perle del Mediterraneo, dove: terra, mare, cielo e sole si fondono insieme al vento per creare paesaggi magici e bellissimi.

dig

Il tramonto dal ponte della barca acquista sempre un sapore diverso, farsi il bagno in rada con questa luce ti cancella la stanchezza di una giornata per mare e ti fa sentire libero come poche cose. Che ne dite di un bagno in rada guardando le Isole, in un acqua calda e limpida da poter vedere il fondo ad oltre 10 metri di profondità? Ho cucinato anche in barca in questi giorni ma nulla di eccessivo, in estate si sa, basta poco per rendere speciale un pranzo, come una bella vista sul mare.

dav

Quando ho svuotato la macchina fotografica mi sono trovata scatti che non ricordavo neanche di aver fatto: ricette dimenticate (si ne ho ancora nella cartella), come questa meraviglia della cucina pugliese: le friselle di pane che avevo preparato con i pomodori dell’orto e la mozzarella di bufala. Uno di quei piatti estivi golosissimi e buonissimi a cui è difficile dire di no.

frise (15)b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Sarde Fritte alla Siciliana e Giorni da Ricordare

Eccomi… come vi avevo accennato qualche giorno fa ho avuto dei giorni intensi: tante cose da fare, preparativi varie e inconvenienti dell’ultimo minuto (macchina fuori uso). Mi sono assentata qualche giorno per tornare sulla mia isola, dai miei cari, dal mio mare per un avvenimento di famiglia importante… un matrimonio: il mio fratellino si è sposato! Io sono felicissima di ciò, nonostante non sia un appassionata di matrimoni, ho fatto da testimone a questa unione e ho pianto anche tanto! Per noi questo era un momento speciale, vivendo tutti lontani, ritrovarsi sotto lo stesso tetto è stato fantastico, potersi abbracciare e stare semplicemente seduti a chiacchierare è tutta un altra storia che usare la tecnologia. Sfortunatamente la vacanza è durata pochissimo ed eccomi nuovamente in Lombardia tra le mille faccende da fare e i problemi da risolvere della quotidianità, con in gola già un nodo che si chiama NOSTALGIA!

Riguardando le foto di quel giorno cosi importante per noi, voglio raccontarvi qualcosa. Il matrimonio tra A&V era a tema nautico tutto è stato scelto in funzione di ciò, compreso il luogo del ricevimento sullo Stretto di Messina! I colori banco e il blu, era presente ovunque dagli inviti alle decorazioni della torta e persino sui testimoni (4 persone che senza saperlo scelgono lo stesso punto di blu senza essersi messi d’accordo).

matrimonio

Tutto molto classico ma per niente monotono (tanto meno pacchiano come invece qualcuno si aspetta da un matrimonio del sud). La chiesa scelta è la più antica di Messina, è resistita al devastante terremoto del 1908 dove tutta la città fu rasa al suolo. La particolarità di questa chiesa è la posizione: quasi due metri sotto il manto stradale, è molto piccola ma deliziosa. Uno dei punti di interesse storici della città.

IMG_20170708_201809152_HDRb

Il ricevimento si è svolto in una magnifica villa con vista meravigliosa sullo Stretto di Messina,  la cena? Ma tutta a base di ricette tipiche siciliane e ricca di prodotti del nostro territorio: dall’antipasto al dolce, un cannolo ci sta sempre, (c’è chi ne ha mangiati 5!); gli antipasti serviti sul prato si suddividevano in numerose aree tematiche: pesce fritto, del polpo, dei formaggi e salumi tipici locali e degli antipasti freddi adatti a tutti i gusti (persino per vegani, celiaci e intolleranti vari). La cena al tavolo perfetta, illuminati dalla luna piena e dalle candele a base di vongole, pasta alla norma e pesce spada. Il buffet di dolci è stato un tripudio per tutti i gusti dai dolci tipici a quelli moderni, i confetti con 15 varietà diverse e la favolosa torta nuziale (crema e cioccolato!) della nostra pasticceria dell’infanzia.

torta

Musica e divertimento fino a notte fonda per tutti gli ospiti giovanissimi e da ogni parte del mondo: 5 le lingue parlate!  Gli sposi sono stati bravissimi ad organizzare il tutto vivendo comunque lontani da Messina, persino il pullman per portare gli ospiti in giro per la città e raggiungere comodamente i luoghi scelti.

Queste brevi ferie sono servite anche a rivedere i parenti più cari, gli amici e conoscere i nuovi arrivati <3, fare un tuffo nelle acqua cristalline e fare una scorpacciata di cose buone da mangiare. muricello

Ho riempito le valigie di ogni ben di dio: dolci, conserve, formaggi e mi sono riempita la pancia di ogni leccormia, nonostante il tempo fosse poco non è mancata una capatina al mercato del pesce e dal fruttivendolo a comprare frutta e verdura di stagione, che per me ha tutto un altro profumo. 

IMG_20170710_125208441b

Durante i nostri 4 giorni in Sicilia sono riuscita a far assaggiare a G. le costardelle, chiamate nel resto d’Italia agugliette sono un pesce poverissimo (Scomberesox saurus) che viene utilizzato per pescare. Si dice che le costardelle che attraversano lo Stretto di Messina siano speciali, di un dimensione piccola rispetto a quelle che trovate in tutti gli altri mari e dolcissime. Da bambina io ne ho fatto grandi scorpacciate, da anni è diventato difficile trovarle in favore di prodotti di importazione spagnoli di taglia grande e dal sapore amaro. Quando G. le ha viste ne è rimasto affascinato e ho proposto di mangiarle per cena, ha letteralmente divorato una scodella nonostante qualche remora nel mangiare il pesce intero con tutte le spine (si stacca la testa e si svuotano le viscere). Non ho pensato a farmi qualche foto di questa succulenta cena sicula di famiglia.

Quando siamo tornati dal nostro viaggio eccoci a fare nuovamente la spesa al grande ipermercato della zona con del tristissimo pesce di allevamento ma G. ha adocchiato delle sarde freschissime, e mi ha detto non saranno costardelle ma almeno sono fresche, e come mi è stato consigliato nel post dei cannoli IO SONO TERRONA E FRIGGO ho deciso di urlarlo a gran voce friggendo pesce in centro città! Realmente questa ricetta non era nata per essere postata, non ho preparato foto carine ma semplicemente scattato con il cel. mentre eravamo seduti a tavola a goderci il nostro balconcino apparecchiato per l’occasione (non sarà vista mare ma almeno è vista giardino). Ma erano cosi buone che ho pensato di farvi vedere un po di quella che è la Sicilia, di sapori poveri ma buonissimi che tutte le famiglie dovrebbero provare.

Ricordatevi che per un buon fritto asciutto ci vuole tanto olio, non esagerate con sale e limone non servono in dosi massive, il resto lo fa tutto il pesce fresco del nostro Mar Mediterraneo!

sarde fritte 1b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

spaghetti_friggitelli (23)b

Spaghetti con Friggitelli Alici e Pane Tostato

Se li trovate dal fruttivendolo o al supermercato i friggitelli non lasciateveli scappare!!!!
In queste ultime settimane sono stata un po presa da tante cose e mi sono trovata (di corsa) a fare spesa al mercato rionale un misto tra bancarelle alimentari e non: su una bancarella di un signore siciliano, come me, ho acquistato tanta buona frutta e mentre ero li per pagare ho visto in una casetta questi meravigliosi peperoni friggitelli che in napoletano si chiamano anche friarelli (da non confonderli con friarielli che sono delle verdure simili alle cime di rapa), dolci e delicati, tipici della Campania e raramente li ho potuto acquistare qui al Nord. Si possono preparare in tanti modi, tutti molto semplici: alle volte li griglio e li servo appena tiepidi spellati, altre volte li farcisco con un pò di pan grattato e li metto al forno (sopratutto quando non fa caldo) e qualche volta ci faccio la pasta spadellati altre con il tonno, come la ricetta di oggi, ma sono perfetti anche per insaporire insalate di pasta o di riso.

I suggerimento della mia amica A. e della sua mamma era quello di farli con la salsiccia, ma alla fine ho optato per qualcosa di più estivo e meno tradizionale: Spaghetti con friggitelli alici e pane tostato, più simile ad una ricetta messinese che ad una napoletana, ma buonissimi ugualmente e meno invernale di quella tradizionale, che comunque spero di proporvi appena la temperatura scende un po.

Io ho scelto di usare gli spaghetti (era anche l’unico pacco di pasta che mi era rimasto in casa) ma voi potete scegliere cosa più vi piace sia fresca come gli scialatielli che secca di buona qualità mi raccomando, il risultato sarà un successo assicurato.

Non vi resta che provarli e farmi sapere cosa ne pensate… di questo mix che riporta alla un unione culinaria nel regno delle Due Sicilie!

spaghetti_friggitelli (27)b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

melanzane_ripiene_tonno (36)b1

Melanzane ripiene con Tonno e Pomodori

Un altra settimana è iniziata e un altra ricetta di verdure ripiene compare sul mio foodblog, ma se dopo l’esperimento delle zucchine ripiene con cous cous e tonno questa volta vi lascio una ricetta super collaudata che è entrare nella mia routine culinaria, almeno una volta ogni 10 giorni le preparo sopratutto in questo periodo dove le melanzane di tutti i tipi abbondano nei supermercati.

Quando chiedo a G. come vuole le melanzane lui risponde solo in due maniere: polpette o melanzane e tonno. Si questo piatto è arrivato all’apice della scala gerarchica delle sue ricette con melanzane preferite.

Si preparano in pochissimi minuti, è più il tempo di cottura in forno che allunga la preparazione. Ma una volta farcite le melanzane da li a pochi minuti la casa si riempie di un magico profumo: di erbe aromatiche, di mare, di orto. Il sapore del ripieno insieme al guscio di melanzana crea un piatto speciale che invade la bocca e i sensi ad ogni morso. Se non ci credete provatele almeno una volta non vi sto raccontando frottole.

Gli ingredienti del ripieno sono tanti, ma si legano perfettamente insieme per dare ognuno il tocco di profumo e sapore al piatto e creare un secondo perfetto per le serate estive, per le cene rustiche con gli amici o da portare in una scampagnata perché anche gustate fredde sono buonissime, se vi avanzano (cosa che a casa mia non succede mai) il giorno dopo sono ancora più buone! Non vi resta che provarle e dirmi che ne pensate!

melanzane_ripiene_tonno (43)b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

spaghetti tonno e limone (1)b1

Spaghetti al Tonno e Limone

Ci sono giorni che sono cosi nostalgica che passo la mattina a guardare le nuvole fuori dalla finestra e pensare che se ci salgo sopra mi portano lontano e inizio a sognare il profumo del mare, il profumo del vento che entra dalle finestre che affacciano sullo Stretto di Messina con l’aria carica di salsedine. Ci sono giorni che mi immagino sdraiata sulla spiaggia di Torre Faro con il rumore leggero delle onde e qualche barca che passa. Magari anche in sottofondo il compressore che carica le bombole al diving, per l’immersione! E’ cosi che nascono questi piatti che sanno d’estate!

Uno spaghetto veloce veloce da gustare al ritorno dal mare o in una serata con amici organizzata all’ultimo minuto; un piatto di pasta semplice, fatto per chi ama i sapori intensi ma non dirompenti;  uno spaghetto che sa d’estate al 100%. Ora che sembra finalmente arrivata la primavera anche al Nord (ieri maniche corte e pantaloncini con crema solare +50 in balcone) diventa il pranzo perfetto per sognare ad occhi aperti in vista delle ferie estive.

E a voi cosa vi fa sognare posti lontani, i luoghi dell’infanzia e quelli che hanno rubato un angolino del nostro cuore???

spaghetti tonno e limone (7)b

Ingredienti per 2 persone

Continua a leggere