Insalata da taglio

Lattughino da Taglio e Valeriana

Coltivare la lattuga e il lattughino in casa è una grande soddisfazione, uscire in balcone o in giardino con un cestino e un paio di forbici e tornare in cucina con un magnifico cespuglio di insalata fresca e profumata, da lavare velocemente e servire in tavola per una bella cena estiva.

Scegliete i semini della lattuga da taglio che preferite recandovi in un vivaio ben fornito o nel reparto hobby del vostro supermercato, scegliete sempre un prodotto di buona qualità, esistono tantissime case produttrici tra cui scegliere e numerose varietà di lattuga da taglio io adoro la valeriana o conosciuta anche con il nome di songino.

  • I vasi e la Semina

Sia il lattughino da taglio che la valeriana non hanno bisogno di essere re-invasati, vanno seminati direttamente in vasi o aiuole, non formano radici profonde quindi possono essere coltivate senza problemi in vasi piccoli, nei sacchi di juta (leggi qui), semplici balconiere o vasi bassi e larghi.

Sul fondo del vaso disponete qualche manciata di argilla espansa, pomice o lapillo vulcanico (facilmente reperibile in tutti i negozi e i vivaisti) eventualmente potete utilizzare della semplice ghiaia da giardino per evitare il ristagno d’acqua, riempite quasi fino all’orlo con del terriccio da giardino maturo (con pH 6,8 circa). Cospargete i semini a spaglio (distribuendoli uniformemente su tutta la superficie) sulla superficie del terriccio e spolverate una manciata di terriccio per coprirli; non occorre infossare i semini nel terreno come per altre piante, l’importante che non vi siano uccelli predatori nei paraggi, altrimenti copriteli con della rete a maglie sottili o una zanzariera appuntata con delle mollette da bucato al bordo del vaso.

Innaffiate fino a inumidire completamente il terreno, aiutatevi con un innaffiatoio a pioggia o a beccuccio sottile per evitare di formare solchi nel terreno, evitate ristagni nel sottovaso, posizionate i vasi in un luogo non troppo soleggiato.

La lattuga da taglio si semina in fase lunare calante, altrimenti vanno in fiore, da marzo ad ottobre, la temperatura di germinazione è intorno ai 15 °C. Dopo circa 7 giorni nei vasi compariranno i primi germogli.

  • Irrigazione

Le insalate tenere temono il sole forte e la siccità, innaffiate durante le ore meno calde del giorno al mattino presto o alla sera dopo che il sole è tramontato, evitando il getto diretto dell’acqua sulle foglioline che potrebbero bruciarsi e rovinarsi. L’innaffiatura deve essere regolare, evitando ristagni.

raccolta_lattuga

  • Raccolta

La raccolta va fatta 20-30 giorni dopo la semina o quando l’insalata avrà raggiunto l’altezza di circa 6-8 cm. Con delle forbici affilate o con un coltello tagliate a circa 3 cm dal terreno, raccogliendo solo le foglie tagliate, trascorsi altri 10 giorni potete procedere ad un secondo raccolto e ad un terzo raccolto. Evitate di far crescere troppo le foglioline di lattuga altrimenti perderanno la freschezza tipica di questo prodotto.

Gustate le foglioline di lattuga da taglio e valeriana entro poche ore dal raccolto, lavate sotto l’acqua corrente e asciugatele con una centrifuga per eliminare l’acqua in eccesso.

Questo tipo di insalata può essere piantato in sinergia con altre piante che formano invece radici più profonde.

  • Insetti

Controllate periodicamente i vasi con le vostre insalate, non si annidino afidi o lumachine, ghiotte delle tenere foglie.

  • Ricette

Ecco alcune ricette per consumare il lattughino da taglio.

Insalata con Tonno e Uova Ripiene

Polpettine di Uova Sode

Insalata di riso rosso

Salva

Salva

goedkope energie

Share on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on FacebookShare on TumblrEmail this to someone

Un pensiero su “Lattughino da Taglio e Valeriana

  1. Pingback: Gnocchi di Farina con Peperoni Grigliati e Capperi | Food Blog |Profumo di Sicilia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>