Timballo di Anelletti Palermitani alla Norma

Timballo di Anelletti Palermitani alla Norma
Quando vivevo con i miei non ricordo estate (e inverno) senza
le melanzane … mia madre ha una passione per loro e devo dire piacciono tanto anche a me; per fortuna anche G. apprezza e appena possibile le compriamo in quantità sopratutto se riesco a trovare le melanzane tunisine (le stesse che si trovano in sicilia), le uso per tantissime ricette o semplicemente fritte/grigliate sulla bistecchiera in ghisa e servite a tavola con un pizzico di sale.

Dopo il matrimonio di mio fratello dove la pasta alla norma è stato uno dei piatti più apprezzati a tavola, mi è venuta voglia di preparare qualcosa che sapesse di casa e di tradizioni, cosi mi sono portata in valigia un bel pezzo della ricotta stagionata per prepararla qui al nord e gustarla. Mi sono subito messa all’opera per preparare un piatto speciale un po diverso del solito: sfruttando gli anelletti palermitani,  la salsa di pomodoro fatta in casa (la ricetta qui) e le melanzane fritte.

Ho aspettato le ore più fresche per accendere il forno e cuocere il tutto ma lo confesso per una fetta di questo timballo si può soffrire un po e alla prima forchettata i tuoi sforzi in cucina vengono ricompensati, provare per credere!

Il timballo di anelletti palermitani alla norma come tutti i gratinati al forno è molto più buono se preparato un giorno prima e lasciato riposare per poi essere riscaldato leggermente prima di essere servito in tavola. Se tutti gli ingredienti impiegati sono freschi potete anche surgelarlo in comode vaschette (dura per circa 3 mesi) e scongelarlo per quando ne avrete voglia.

Timballo di Anelletti Palermitani alla Norma

Ingredienti per 4 persone

  • Per il timballo di anelletti palermitani alla norma

2 grosse melanzane tunisine
250 g di anelletti palermitani/siciliani
650-700 ml passata di pomodoro (la mia fatta in casa qui la ricetta)
5-6 foglie di basilico fresco
100 g caciocavallo ragusano (o scamorza o altro formaggio a pezzi)
100 g ricotta stagionata grattugiata
50 g formaggio pecorino grattugiato (o parmigiano)
1 spicchio d’aglio italiano
1/2 cipolla di Tropea
pepe nero macinato
sale marino iodato fine
sale marino iodato grosso
2 cucchiai di pane grattugiato
olio evo

  • Inoltre

pangrattato fine
olio evo
Tortiera apribile diametro 20 cm

Tempo di preparazione 3 ore

Timballo di Anelletti Palermitani alla Norma

  • Preparare le melanzane

Tagliate le melanzane: 1 e 1/2 a fette e 1/2 a dadini; nello scolapasta stratificate con abbondante sale le melanzane e poggiamo sopra un peso (una pentola piena d’acqua nel mio caso) che permetta di fuoriuscire il liquido amaro che contengono, per circa 60 minuti. Lavatele le melanzane e asciugatele con carta da cucina o con un canovaccio pulito.

Risaldate in padella dai bordi alti abbondante olio e friggete le melanzane, sia a fette che a cubetti fino a doratura, disponetele entrambe su carta da cucina cosi da perdere l’olio in eccesso, tamponandole se necessario potete fare quest operazione il giorno prima e lasciare scolare le melanzane per tutta la notte in frigorifero in un contenitore forato.

Timballo di Anelletti Palermitani alla Norma

  • Preparare il sugo alla Norma

In una padella capiente riscaldate dell’olio evo fate rosolare l’aglio intero e la cipolla tritata finemente fino a farla diventare lucida, unite la salsa di pomodoro, un pizzico di sale e uno di zucchero, lasciate cuocere per circa 10 minuti o fino a quando non si sarà insaporita e ristretta a sufficienza. Aggiungete le melanzane e le foglie di basilico mescolate il tutto delicatamente e tenete da parte.

Timballo di Anelletti Palermitani alla Norma

Cuocete gli anelletti palermitani per circa 10 minuti (o per la metà del tempo riportato sulla confezione) in acqua bollente salata, scolateli molto al dente e lasciateli intiepidire nello scolapasta cosi che perdano l’umidità. Versateli nel sugo di pomodoro e melanzane che avete precedentemente preparato e mescolate accuratamente, insaporite con il formaggio a dadini, la ricotta e il pecorino grattugiato.

Timballo di Anelletti Palermitani alla Norma

  • Preparare il timballo di anelletti palermitani alla norma

Ungete con l’olio e cospargete con il pangrattato fine lo stampo a cerniera, foderatelo con le fette di melanzane fritte e ormai ben asciutte, versate il composto di pasta e sugo livellatelo bene con un cucchiaio cosi da uniformare la superficie. La pasta non deve superare l’altezza dello stampo, disponete se necessario una fetta di melanzana fritta nel centro e ripiegate le melanzane per chiudere il Timballo di Anelletti Palermitani alla Norma, pressate leggermente per assestare il tutto.

Timballo di Anelletti Palermitani alla Norma

Disponetelo il timballo di anelletti palermitani alla norma sulla leccarda e (potrebbe uscire dell’olio dallo stampo a cerniera che potrebbe sporcarvi il forno) e infornate  per circa 20-25 minuti a 180°C nella zona centrale del forno. Lasciate riposare almeno 30 minuti il timballo prima di rimuoverlo dallo stampo e servirlo in tavola.

Potete servire il timballo di anelletti palermitani alla norma caldo o tiepido secondo la stagione e il vostro gusto personale.

Timballo di Anelletti Palermitani alla Norma

Cucina Regionale
Sicilia

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someonePrint this page

10 pensieri su “Timballo di Anelletti Palermitani alla Norma

  1. zia consu

    Non c’è Lucifero, Caronte, anticiclone Africano che potrebbe fermarmi dall’accendere il forno x sfornare questa delizia! Beati i tuoi commensali che hanno avuto il piacere di assaggiare!

    Rispondi
    1. piccolalayla Autore articolo

      Ciao zia… haha non manca nessuno nell’elenco dei caldoni estivi! Beee se ti dico che l’abbiamo fatta fuori in due e con gusto….passo per l’ingorda del web?!?! UN bacione LA

      Rispondi
  2. giovanna

    Già da qualche giorno sto pensando di prepararla, mi hanno frenato solo le alte temperature ma prima che finiscano le melanzane coltivate in pieno campo la farò, mi hai fatto venire l’acquolina in bocca.
    Ciao, una bella scoperta il tuo blog, grazie per avermelo fatto conoscere.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *