ragu_lenticchie-34b

Tagliatelle all’Uovo con Ragù di Lenticchie

Quando ero piccola ogni tanto facevo le scale del palazzo, in cui vivono tutt’oggi i miei, per sentire gli odori che venivano fuori dalla cucine dei vicini e poter scoprire cosa le varie massaie ogni giorno mettevano in tavola per tutta la famiglia. Alle volte il profumo era cosi invitante da voler suonare alla porta e scoprire letteralmente cosa bolliva in pentola altre un po meno, sopratutto se si parlava di broccoli :).

Da quando vivo al Nord, ho scoperto tante ricette che prima non conoscevo tra queste anche il mondo della cottura lenta: stufati, brasati, bolliti e tanti altri; qui ho una cucina tutta mia da sporcare e da ripulire, in più la temperatura esterna da qualche giorno lo permette/necessita. Una cosa che amo di queste preparazioni è il profumo che gli ingredienti cuocendo lentamente sul fuoco rilasciano; un profumo delizioso che rallegra la casa durante la grigie giornate autunnali/inverali e riscalda il cuore di chi entra.

Preparo abbastanza spesso il ragù alla bolognese e altri sughi ricchi come quello di salsiccia per gli gnocchetti sardi  una delle ricette dell’infanzia di G. ma mangiare sempre carne/ insaccati per me è difficile e sono sempre alla ricerca di qualcosa di buono e goloso che possa mettere tutti d’accordo ma che abbia un origine diversa da quella animale shhhh non lo dite in giro.

Mi sono guardata un po’ intorno e questa pagina con le ricette di Natale di Galbani mi ha fatto venire voglia di iniziare a pensare a cosa mettere in tavola quel giorno. La tradizione italiana in ogni regione è diversa e si potrebbero cucinare tantissimi piatti, ma a me piace stupire un pizzico cosi ho iniziato a sperimentare ed ecco comparire in tavola un ragù speciale, diverso dal solito, ricco e profumato ma che di carne non ne vede l’ombra: il ragù di lenticchie semplicissimo, buono, goloso; è perfetto per chi vuole rendere speciale un piatto di pasta all’uovo senza però dover necessariamente preparare i classici piatti a base di carne.

Le lenticchie a casa nostra sono tra i legumi che vanno per la maggiore, insieme alle patate è forse una delle cose che consumiamo in abbondanza e non mancano mai almeno una volta la settimana in tavola come zuppa o come contorno. Amo acquistare quelle piccole e nere, che siano isolane o di Norcia l’importante che siano saporite e che non si sfarinino in cottura.

Cosi mi sono decisa ad usarle come condimento per la pasta, ho preparato questo delizioso ragù di lenticchie a cottura lenta che invade la casa di un delizioso profumo di alloro e di soffritto come quello classico, dopo averlo servito in tavola, visto lo stupore e con quanta voracità è stato consumato sto seriamente pensando di inserirlo nel mio menù di Natale per non allontanarsi troppo dalla tradizione italiana ma allo stesso tempo preparare un piatto nuovo e sfizioso per tutti e perché no magari una bella lasagna golosa.ragu_lenticchie-4b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Share on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on FacebookEmail this to someone
bastoncini-di-verdure-18b

Bastoncini di Verdure

Alle volte faccio la spesa in modo dettagliato seguendo una lista ben precisa scritta e spuntando quello che finisce nel carrello per non dover girare per i reparti, altre invece mi faccio prendere dallo shopping compulsivo, come se non ci fosse un domani, come accade a molte in giro per negozi mai visti e scovare marche e vestiti di cui non conoscevo l’esistenza fino a pochi istanti prima. Questa cosa succede anche tra i reparti dei supermercati in qualunque reparto può prendermi un attacco compulsivo: che siano detersivi, cibarie o semplici chincaglierie di cucina. G. mi dice che quando vado a fare la spesa mi perdo nel mio mondo fantastico, impiegando anche parecchi minuti a leggere e rileggere le etichette, si sono un accanita lettrice per questo è meglio non abbandonarmi mai vicino ad una libreria o al reparto dei libri.

E dopo questo lungo intro arriviamo al dunque: Avete mai visto al supermercato nel banco surgelati quei simpatici bastoncini di verdure, simili a quelli di pesce da cucinare in pochi minuti in forno o in padella? La prima volta che li ho scavati ho storto il naso ma dopo il primo assaggio qualcosa è scattato in me e ogni tanto finiscono nel carrello. Sono il top per quelle sere quando non hai voglia di cucinare o i minuti contati per farlo… So già che qualcuno sta storcendo il naso per quello che ho appena scritto, ma sono utili e dopo alcune giornate da incubo posso capire le mamme con bambini ne facciano grande uso.

Per mia abitudine non sono una consumatrice di prodotti pronti e acquistare cosi spesso cose confezione non mi rende certo felice, ma sono cosi sfiziosi e cosi ho deciso di prepararli in casa con delle semplici verdure di stagione: cavolfiore, patate, carote e piselli, ma nessuno ci vieta di aggiungerne altri in base ai gusti come zucca, mais o barbabietole se volete dargli un tocco pink. Come tutte le ricette scopiazzate (avete mai provato i sofficini fatti in casa?) dalla grande distribuzione esistono milioni di varianti e milioni di aggiunte ognuno le fa un po sue e della sua famiglia.

Che ne dite allora di questa mia versione di bastoncini di verdure? Io ho scelto quello che avevo in frigo e ho optato con una panatura senza uovo, ormai sperimentata più e più volte (qui, qui, qui) in tantissime ricette su questo foodblog utile per tantissime occasioni e perfetta per le cotture al forno, gli dona comunque una deliziosa crosticina leggera e compatta.

Oltre ad essere semplicissimi da preparare, possiamo variare il sapore aggiungendo le spezie che vogliamo per renderli ancora più speciale, dopo questo nuovo esperimento nel mio frizzer potete trovare i bastoncini di verdure home made.

bastoncini-di-verdure-28b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Share on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on FacebookEmail this to someone
tortino-di-coste-e-patate-13b

Terrina di Coste e Patate con Salsa Besciamella

Sempre nella solita azienda agricola a far spesa, si sarò monotona e ripetitiva ma se avete il tempo cercate nella vostra zona un luogo come questo dove potervi recare a fare spesa, ne gioverà sicuramente il vostro portafoglio e il vostro palato oltre che al vostro stomaco, le verdure non sono belle e non sono pulite ma almeno sono fresche perché raccolte sempre in giornate e vi posso assicurare che durano molto ma molto di più rispetto a quelle acquistate al supermercato.

Abbiamo fatto scorta di coste o biete da costa, forse un po troppe che ho avuto difficoltà a farle entrare nella pentola più grande presente nella mia cucina per lessarle, ma a casa mia non si butta mai nulla, anche il pane duro si trasforma in qualcosa altro come i canederli …. Dopo la prima insalata con olio e limone, la pasta e magari anche un contorno non sapevo più come consumarle…

In casa le patate (ne abbiamo acquistate circa 30kg per l’inverno) e il latte non mancano proprio mai, con pochi ingredienti ci si può fare di tutto ed ecco allora che nasce questa terrina: golosissima e sfiziosa da servire come contorno o semplicemente come secondo piatto vegetariano.

La potete preparare in anticipo e riscaldare all’occorrenza, come tutte le cose con la besciamella, più riposano più diventano buone e golose. Da semplici verdure bollite ecco comparire un piatto ricco per tutta la famiglia e da gustare durante le sere invernali.

Se volete arricchire il piatto potete aggiungere qualcosa di sfizioso come cubetti di mortadella, o briciole di salsiccia ma credo perderebbe il suo fascino di terrina di verdure e il maiale coprirebbe il sapore morbido della besciamella con la sua crosta croccante tipica di questa salsa bianca tanto amata da G. che trasforma qualunque verdure lessa in un capolavoro della cucina… Forse ormai un po fuori moda e per anni inflazionata, resta comunque una di quelle salse che rende speciale la lasagna al ragù bolognese, indimenticabile il cavolfiore e che dire degli asparagi al prosciutto di mia suocera?
tortino-di-coste-e-patate-30b Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Share on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on FacebookEmail this to someone
pasta-e-biete-18b

Tortelli ai Pistacchi con Erbette

Vi capita mai uno di quei giorni che hai tante cose per la testa e la voglia di cucinare ti passa all’istante, non hai idee e non sai cosa preparare: buono e goloso, leggero e salutare? Dividersi su più fronti non è sempre facile e il grigio autunno spesso non aiuta a trovare l’idea giusta.

Se fosse per me nei giorni cosi farei una bella zuppa magari con qualche crostino fatto in casa giusto per dire che mi sono applicata ai fornelli e non sentirmi troppo in colpa, ma se rifilo a G. l’ennesimo minestrone mi tira il collo, a patto che non abbia costine di maiale e altre parti grasse che si mescolano con le verdure.

Apro il frigo: Tortelli ai pistacchi, li ho visti al supermercato (ogni tanto anche io cedo alla tentazione di provare qualche prodotto nuovo) e sono finiti nel carrello, sono sempre utili per preparare un semplice piatto di pasta veloce, non li compro spesso e per questo non ho mai idee per condirli, opto il più delle volte per burro e salvia, con un pizzico di noce moscata. Ma a questo giro non mi andava proprio!

Ho anche un bustone di erbette o biete da taglio, comprate dal contadino e da consumare il prima possibile, sono quelle verdurine a foglie delicate simili agli spinaci ma risultano meno pungenti in bocca. Si cuociono in pochissimi minuti in padella e si possono usarli per tante preparazioni e anche per gnocchi e per i ripieni della pasta fresca.

Ecco che la lampadina si accende, crema di erbette delicata per condire i tortelli ai pistacchi! Alla velocità della luce lavo le erbette, che per fortuna non erano neanche troppo sporche (se voi riuscite a trovarle potete prendere quelle già pronte lavate e imbustate) e in pochi minuti siamo a tavola, un piatto buonissimo ma allo stesso tempo semplice e leggero senza troppi condimenti e intingoli. Alle volte dai soliti ingredienti può venir fuori qualcosa di buono e nuovo. Il pistacchio delicato emerge ad ogni boccone con il suo croccantino e siccome mi sono piaciuti tanto e ho giusto in casa i pistacchi di Bronte portati direttamente dalla mia isola, penso che presto preparerò io questi deliziosi tortelli e magari tra qualche settimana vi posto anche la ricetta per prepararli.

Non mi resta che augurarvi,
buon we!
pasta-e-biete-24b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Share on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on FacebookEmail this to someone
gnocchi-farina-zucchine-gorgonzola-37b

Gnocchi di Farina con Crema al Gorgonzola e Zucchine

Lunedì! tragico lunedì! Avete trascorso bene il WE?
Noi il solito, faccende in casa, supermercato ecce ecc tutte le volte che vado in azienda agricola mi faccio prendere la mano e torno a casa con tantissime verdure e tante idee per cucinarle, ne compro talmente tante da doverle mettere sul davanzale perché il frigo non si chiude più.

Ecco spuntare ancora qualche zucchina dalla casetta stracolma di meraviglie, tra poco spariranno quasi del tutto per fare posto a: finocchi, verze e cavolfiori, più le erbette e tutte le insalate invernali perfette per tante nuove ricette da provare e magari postarvi.

Volevo preparare un piatto dal sapore morbido e dalla consistenza cremosa, più adatto a questa temperatura in picchiata, ma non troppo pesante ci basteranno i mesi futuri per provare le ricette invernali. L’idea iniziale era quella di preparare gli gnocchi di patate, ma aimé non mi sono accorta del tempo che passava e mi sono dimenticata di mettere a bollire le patate, ormai è vicina l’ora di pranzo. Per fortuna in mio soccorso arrivano gli gnocchi di farina, velocissimi da preparare, semplicissimi e dal successo assicurato; li trovo deliziosi, potete prepararli anche giocando con i vostri figli, sono un semplice impasto di acqua calda e farina.

Gli gnocchi di farina letteralmente geniali: il loro sapore dolce, come quelli di patate, e dalla consistenza compatta ma non troppo soda li rende sfiziosi per tante occasioni, raccolgono benissimo il sugo sia bianco che rosso.

Quando non riuscivo a preparare gli gnocchi di patate, si l’ho sempre detto ho passato anni a preparare colla e sassi, prima di sfornare dei buoni gnocchi di patate perfetti da servire in tavola a tutta la famiglia, gli gnocchi di farina venivano sempre in mio soccorso e più volte ho giocato con composti e ingredienti.

Oggi condiamo gli gnocchi di farina con una golosa crema al gorgonzola e zucchine aromatizzati con piccoli aghi di timo raccolti dalle mie piantine prima dell’arrivo dell’inverno, trovo che il timo con le verdure crei un profumo stuzzicante e una fragranza delicata ma presente e ben riconoscibile, perfetta per la stagione più fredda.

Questa è una ricetta velocissima che si prepara in pochi minuti ma il risultato è assicurato, un bel piatto di gnocchi golosi e cremosi fanno sempre piacere per stuzzicare il palato e accompagnare magari un buon bicchiere di vino rosso. Se non li avete mai provati è arrivato il momento di farli, non preoccupatevi se all’inizio otterrete una poltiglia dalla consistenza strana, pochi e rapidi movimenti per incorporare tutta la farina e via a preparare gli gnocchi per il pranzo.

gnocchi-farina-zucchine-gorgonzola-20b Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Share on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on FacebookEmail this to someone
riso-patate-prezzemolo-33b

Riso con Patate e Prezzemolo

Da quando vivo al Nord ho imparo a cucinare tantissime nuove ricette, di cui avevo solo sentito parlare o assaggiato poche volte durante i miei viaggi in giro per l’italia, un esempio i pisarè e fasò ma non solo quelli basta scorrere le pagine di questo blog per scovarne alcune. Nella terra in cui vivo c’è tanto influsso delle regioni vicine: Emilia, Piemonte e Liguria. Raramente ho assaggiato vere ricette lombarde (non parlo del risotto giallo e della cotoletta) e tanto meno quelle della cucina pavese vera e propria tranne i ravioli di brasato tipici della zona, che prima o poi farò in casa.

La cucina popolare sta via via sparendo; le ricette tramandate dalle nonne, fatte di ingredienti semplici, quando la fame era tanta e gli ingredienti da mettere a tavola erano pochi non si trovano quasi più e poche sono le bettole che ancora le cucinano. Sono questi piatti che celano la meraviglia più grande: il vero sapore della terra in piccoli gesti.

Nel mondo dei food blog e dei programmi di alta cucina in tv spesso ci dimentichiamo di quelle ricette semplici che hanno bisogno di poco e di niente e che per generazioni hanno sfamato famiglie. Andando al supermercato giorno dopo giorno vedo aumentare lo spazio del banco gastronomica e il quantitativo di prodotti pronti nei carrelli, Mi chiedo: “Andando avanti di questo passo i veri sapori della cucina italiana, dove andranno a finire?”

Io amo la cucina, le tradizioni della mia terra e mi piace scoprire quella delle altre terre che compongono la nostra Italia e per questo continuo a cucinare e postare ricette che potrebbero sembrare anche banali o straviste come una semplice zuppa di legumi.

Grazie a G, ho scoperto e preparato un piatto semplice, una minestra che mangiava da piccolo: una ricetta contadina, che mai mi sarei aspettata fosse cosi buona. Il riso con patate e prezzemolo,  pochissimi ingredienti che sicuramente tutti abbiamo in casa:  riso a chicco tondo quello per minestre, patate e un po di prezzemolo fresco; con gli stessi ingredienti  preparo la pasta e patate quando sono di fretta o voglio qualcosa di coccoloso da mettere in tavola senza però troppo impegno ai fornelli. Ma non avevo mai fatto una minestra con il riso e le patate e tanto meno aggiungendo così tanto prezzemolo da renderlo parte integrante del piatto.

Poi in casa nostra le patate come sapete non mancano mai, ne abbiamo fatto una mega scorta per l’inverno ma a quanto pare le mangeremo prima di arrivare a Natale… con tanta velocità le consumiamo. Il prezzemolo poi lo uso tantissimo e ne tengo sempre un bel mazzetto fresco in frigo e una scorta in frizzer, alle volte G. mi dice che sono ossessionata dalle erbe aromatiche e che tra poco nella pentola metto anche la pianta con tutto il vaso.

In vista dell’inverno questo piatto non potrà più mancare sulla mia tavola, magari per quelle sere dove fuori piove e c’è bisogno di dare alla casa un atmosfera e un profumo di focolare, di camino o di stufa a legna. Una di quelle ricette perfette per i bambini perché cremosa, calda e ricca allo stesso tempo ma che stregherà anche voi.riso-patate-prezzemolo-11b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Share on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on FacebookEmail this to someone
spaghetti-e-friggitelli-1b

Spaghetti veloci con Friggitelli

Altro giro altra corsa, direbbe un giostraio…! Qui ad ogni giro, dal verduraio, esce un ricetta nuova o della tradizione. Oggi è il turno di una pasta buonissima e velocissima da preparare con dei simpatici peperoni dolci, verdi e di piccole dimensioni, comprati in azienda agricola, appena raccolti dall’orto: i friggitelli. So che la stagione è ormai al termine e fuori il termometro è sceso in picchiata ma non potevo lasciarli li: “Mi chiamavano! Urlavano portami a casa con te… siamo buonissimiiiii!!!” Si, lo so forse sono da portare alla neuro.

Non si trovano facilmente in commercio al Nord Italia, ma vi posso assicurare che nella zona di Napoli e dintorni non possono mancare. Quest’estate in una delle nostre tappe in lungo e in largo per l’Italia ci siamo fermati proprio in Campania e abbiamo assaggiato numerose ricette con i friggitelli: tra cui una pasta buonissima con friggitelli e pesce spada. Avrei voluto riproporre quel piatto ma sfortunatamente qui il pesce spanda non è cosi facile da trovare come sulla mia isola, ma ci possiamo accontentare anche di una variante che vi avevo proposto parecchio tempo fa con il tonno.

Oggi invece la ricetta diventa ancora più semplice, una spadellata di friggitelli, un po di pomodorini pelati e via in tavola… 20 minuti e il pranzo è servito. Un piatto buonissimo e molto saporito con il minimo sforzo. Vi consiglio di scegliere per questo primo piatto uno spaghetto che si addice alla situazione, meglio se di origine campana, le buone marche non mancano, per esaltare al meglio un sapore intenso ma allo stesso tempo semplice e se volete anche un troccolo non è mica male come idea.

Se volete dare un po di brio al piatto potete aggiungere anche un pezzettino di peperoncino e una spolverata di formaggio pecorino grattugiato, esaltando ancora di più i sapori rustici di una ricetta tradizionale campana.spaghetti-e-friggitelli-24b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Share on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on FacebookEmail this to someone
torta-salata-con-funghi-champignon-22b

Torta salata con Funghi Champignon

Il venerdì per noi è una giornata dai minuti contati, appena G. torna da lavoro, un cambio d’abito, una cena veloce, borsone, chiavi e via in piscina, c’è la lezione da preparare e le attrezzatura da organizzare per i ragazzi. Per non rimanenere a stomaco vuoto fino alle 23.00 e oltre a casa si mangia come le galline, i piatti al volo (non uso piatti di plastica) e in meno di un ora siamo di nuovo in macchina.

Sono sempre alla ricerca di qualcosa di buono, leggero (se poi bisogna andare in vasca non è il caso esagerare) e che non sporchi più di tanto. Non sono un amante dei cibi pronti di rosticceria, faccio a casa anche i sofficini da ormai tantissimi anni, ma occorre sempre trovare qualcosa da poter preparare in anticipo e da mangiare freddo (se fa caldo) o tiepido se la temperatura inizia a scendere come in questi giorni.

Trovo che i funghi champignon ti possono risolere alcune giornate, degli ingredienti che (per chi li mangia!) ti permettono di inventare sempre qualcosa di nuovo… che sia una pasta (li avete mai provati nella lasagna?) o un risotto, la scaloppina o da aggiungere direttamente sulla pizza al posto dei soliti ingredienti e non dimentichiamoci del magico contorno degli anni ’90 i funghi trifolati.

Poi da quando ho scoperto che G. mangia volentieri le torte salate a casa tengo sempre di scorta un rotolo di pasta sfoglia pronta, si lo so starete gridando all’eresia, ho provato a farla più volte ma aimè non è cosa mia, non mi viene, l’ultimo esperimento è stato una patacca tracimante di burro. Quella pronta la trovo comodissima, essendo a lunga scadenza averne una in frigo aiuta quando ci sono ospiti inattesi.

Unisci questi due ingredienti ed ecco la cena velocissima è servita: una vecchia ricetta di mia madre: la torta salata con funghi champignon, ero convinta di avervela già postata qualche volta e invece andando a ritroso nei post non c’è. Si prepara in pochi minuti, si sporca poco e niente e si può mangiare sia fredda in estate che appena tiepida, vi sconsiglio di mangiarla calda non riuscireste a gustare i sapori che racchiude; preparatela in anticipo e date una passata di forno per intiepidirla come ho fatto io prima di sederci a tavola.

Io l’ ho servita come piatto unico ma nessuno ci vieta di metterla a tavola come stuzzichino durante un aperitivo o come antipasto per una cena rustica, ottima come torta salata per vegetariani, ma se poi volete renderla ancora più golosa e ricca potete aggiungere prosciutto, pancetta affumicata o anche salsiccia sbriciolata a voi l’imbarazzo della scelta. Io però la preferisco semplice da gustare anche l’indomani riposata.

Non mi resta che augurarvi buon fine settimana preparando la torta salata con funghi champignon.torta-salata-con-funghi-champignon-40b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Share on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on FacebookEmail this to someone