Pollo alla Marocchina con Limone e Cumino

Da quando la mia collezione di spezie si è rimpolpata, ogni giorno è un buon giorno per usarle, gustarle, annusarle… (non sono ancora maniacale ma poco ci manca se continuo cosi) Domenica scorsa siamo stati alla Fiera dell’Artigianato a Milano e tra i 10.000 espositori presenti abbiamo comprato solo spezie e formaggi! Ogni giorno c’è una ricetta nuova da preparare con le tante spezie della dispensa e da portare in tavola. Il pollo solitamente è una di quelle cose che tengo sempre di scorta in frizzer, non ci vado pazza ma lo mangio, bastano pochi ingredienti per farlo in padella o una teglia da forno con qualche patata per portare in tavola qualcosa che piace a tutti, quando le idee per cena scarseggiano. Oggi ho voluto osare e preparare un piatto marocchino, sfortunatamente non ho ancora il tajine (non saprei proprio dove metterlo in questa dispensa, ma presto ci sarà anche lui tra le mille caccavelle della cucina) e ho optato per l’uso di ottime padelle dal fondo spesso e dal coperchio ermetico con buchino :). Questa ricetta è semplicissima e molto profumata soprattutto se amate il gusto fresco del limone o per le giornate estive dove la voglia di accendere il forno per preparare il pollo o cmq stare in cucina è praticamente 0 e il profumo di agrumi è ideale.  Potete servirlo con del taboulè di cous cous o semplicemente del pane arabo tiepido.

pollo marocchino limone e cumino (13)b

Ingredienti per 4 persone
(more…)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Pasta con Verza Rossa Veronese e Pancetta Croccante

La domenica nella piazza centrale di questa piccola cittàdina dell’oltre po c’è stato il mercatino dell’antiquariato e dato che la giornata non era poi cosi brutta , siamo andati a fare due passi tra le cianfrusaglie, ma non avendo posto dove metterle in questa casa, siamo stati costretti a lasciare tante cose carine sulle bancarelle. In un angolo della piazza ai piedi del duomo c’erano le bancarelle dei coltivatori della zona, attratti da verdi e scintillanti spinaci, ci siamo avvicinati alla bancarella e incuriositi abbiamo chiesto che tipo di ortaggio era quella che c’era in uno dei cestini.. dal colore verde con screziature di un bel rosso intenso… Allora il coltivatore ci spiega che era una verza un pò rara del tipo veronese, ideale per tante preparazioni. Ed ecco che non me la sono fatta scappare… per assaporare questo antico e raro ortaggio.

pasta verza e pancetta (16)b

Ingredienti per 4 persone

(more…)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

La Baguette Francese con Pasta Madre

Qualche settimana fà sono stata a fare shopping a Pavia, a pochi km da qui, ma diversamente da come potete pensare, non sono stata per le vie del centro, tra boutique e grandi marchi, ma in una piccola viuzza vicino al fiume Ticino dove scorre il torrente Virnavola al Mulino Ferrari, un antico mulino ad acqua dei primi dell’800. Come ogni donna che si rispetti lo shopping è un modo per riempire il cuore e l’anima e per una pazza come me anche la panza … andare a fare spesa direttamente dal produttore è una gran soddisfazione. G. dice sempre che è meglio portati in gioielleria che al supermercato… gli costerei meno :) e sarei sempre felice perché li troverei quello che mi piace senza dover litigare con le commesse.
Al mulino ho trovato un disponibile interlocutore che mi ha consigliato e dato tante info necessarie per i miei acquisti, ho finalmente trovato il malto d’orzo in polvere che tanto cercavo (comodissimo) a pochi spiccioli (2.50€/kg), una deliziosa farina per pizza, le farine più note del web (di cui non faccio nomi), legumi in abbondanza, polenta e ancora mille altri pacchettini. Tra le tante farine ho portato a casa un sacco da 5kg di farina 00 di forza ideale per panettoni, pan brioche, babà e pani bianchi come le tipiche baguette francesi. Cosi G appena saliti in macchina non ha potuto fare a meno di chiedermi… “Mi prepari le baguette?” Ed eccomi alla ricerca della tecnica perfetta per fare le baguette… Il risultato eccellente… mangiate appena tiepide con la loro fragranza tipica sono favolose… peccato per il mio piccolo forno altrimenti le avrei fatte lunghe mezzo metro in puro stile francese, so che lo Staffora (il torrente che scorre qui in città) non è la Senna … ma fa un pò di scena….!!! Le baguette sono ideali per accompagnare un delizioso piatto tipico come la Ratatouille! Se vi capita di fare un giro per le vie di Pavia, vi consiglio di fare una capatina al mulino prima che tramonti il sole, per vederlo in movimento e per ammirare le bellezze rurali della zona e far conoscere ai vostri figli il mulino di una volta e quanti tipi diversi di alimenti esso può produrre.
  baguette francesi (14)b

 

Ingredienti per  5 baguette

(more…)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Paella Valenciana de Restorante

Qualche giorno fa chiacchierando con un amico è venuto fuori il desiderio di mangiare etnico in special modo una buona paella … pesce o carne che essa fosse stata non avrebbe fatto molta differenza l’importante era che il sapore fosse quello della vera paella… era necessario decidere il giorno per andare a cena fuori, ma perché andare a cena fuori????? Ecco allora che mi sono proposta di prepararla in casa per tutti!
La vera Paella va fatta sulla “paellera” una pentola apposita bassa e larga con due manici, in ferro grezzo o smaltato, è una pentola ideale anche per essere messa in forno;  a Messina ho quella vera che viene direttamente dalla Spagna  (per 3-4 porzioni), ma qui in Oltre Po è già difficile trovare quella autentica di piccole dimensioni inutile parlare di quella per 6-8 persone, non avendone una a disposizione cosi grande negli anni ho affinato la tecnica per l’uso delle padelle in alluminio, so che non è la paellera vera ma molto più semplici da reperire e funzionale per preparare questo delizioso piatto in tutti i suoi passaggi.
Importante: per preparare la paella non usate mai padelle o teglie con rivestimento in teflon, il rivestimento potrebbe staccarsi e finire nel cibo, diventando tossico.

A ciò si aggiunge che da quando mi è stato regalato da mio fratello e mia cognata il ricettario valenciano in lingua valenciana (e si ho dovuto imparare un pò di questa lingua prima di mettermi ai fornelli ma non chiedetemi nulla che non sia diverso dagli ingredienti elencati) mi sono sbizzarrita nella preparazione delle varie paelle una più buona dell’altra… ed ecco oggi che vi preparo la Paella Valenciana de Restorante… un mix tra quella de Marisco (di pesce) e quella Valenciana (di pollo e coniglio) più conosciuta dai turisti e sicuramente la più popolare e gustosa, anche perché molto coreografica una volta servita in tavola.

Paella  (1)b

Ingredienti per 6 persone

(more…)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Anelletti con Ragù di Broccolo Viola e Salsiccia

Nostalgia di casa, dei sapori della mia terra, dei miei ingredienti e delle mie ricette tipiche. Nostalgia del profumi, dei colori e degli odori che riempiono le vie delle città siciliane. Nostalgia del sole, del mare, del calore della gente…  in poche parole nostalgia di casa… E allora quando le giornate iniziano cosi, un pò nebbiose…quando la lacrimuccia è pronta a sgorgare, non resta che mettersi in cucina (il mio antistress)… e riempire l’aria che mi circonda di SICILIA!!!!
Mentre facevo la spesa al mercato su un banchetto delizioso pieno di verdure che vengono direttamente dalla mia terra…, nella stagione giusta li si trovano anche i mazzi di finocchietto selvatico che profuma l’aria come in una passeggiata in campagna durante l’estate e di grandi melanzane viola screziate di bianco; ho trovato questo bellissimo broccolo (o cavolfiore) viola freschissimo e coloratissimo… ci ho messo poco a decidere con cosa prepararlo… dato che giusto qualche giorno prima in un altro supermercato avevo trovato nuovamente un formato di pasta che adoro: gli anelletti palermitani ideali per fare sformati e timballi di pasta a base di carne o di verdure, G. li mangia volentieri e io non me li faccio scappare di certo.
Tutti gli ingredienti di questo piatto parlano della mia terra ed ecco che la mia sicilianità torna dirompente per riempire il mio cuore, ed ecco che per poche ore sono tornata nella mia terra a farmi coccolare dal sole e dal mare…

anelletti broccolo salsiccia (44)b

Ingredienti per 4 persone

(more…)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Knödel o Canederli con lo Speck

Iniziano i primi freddi anche qui in oltre po, ho proprio voglia di qualcosa di caldo e succulento da portare in tavola, qualcosa che sappia di montagna, di neve, un piatto fumante dal gusto morbido e coccoloso… come i canederli altoatesini!!!!
G. ha ricevuto in dono da un vero fornaio della zona del buon pane bianco, preparato come si faceva una volta, ma dato che io avevo già cotto in casa anche il mio pane di semola e il frizzer era strapieno di: gnocchi, sofficini pane per hamburger e chi più ne ha più ne metà, non siamo riusciti a consumarlo fresco per tempo, ma mi dispiaceva buttarlo via sopratutto per il gesto cosi carino di questo anziano signore, non avendo animali in casa o una grattugia adatta a fare il pangrattato una volta ben secco, i canederli potevano essere la soluzione evitando gli sprechi.
Di ricette in giro sul web e sui libri di cucina c’è n’è una marea… ma qual è la vera ricetta dei canederli…? Non avendo mai avuto modo di avere una vera ricetta altoatesina, nel dubbio io ho usato questa che mi sembrava la più autentica e questo video che spiega passo passo come farli dalle sapienti mani di una simpatica signora altoatesina.  Il risultato? giudicate voi stessi… G. ha risposto… favoloso come quelli che fanno in montagna.canederli  (29)b

Ingredienti per  4 persone  (8 canederli)

(more…)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Pane Naan con Pasta Madre

Rinfrescata la mia pasta madre e controllate le scorte di farine e di altri ingredienti in dispensa, sono pronta ad impastare qualcosa di nuovo, in pochi minuti un pane di origini indiane profumatissimo è li a lievitare ed in poche ore è pronto per essere cotto.
Il pane naan ha origini molto antiche, viene preparato in gran parte del medio oriente sopratutto in India è ideale da servire caldo per accompagnare piatti indiani come i magnifici Korma e Curry o ancora il Dhal, morbida zuppa di lenticchie rosse decorticate speziate… Ne esistono numerose versioni quella classica semplicemente spalmata di burro o di ghee e quelle ripiene più elaborate usate come stuzzichini: Cheese naan con dentro formaggio (anche se non credo proprio che la parola cheese sia di origine indiana),  Keema naan con carne macinata,  Amritsari naan con patate, cipolle e spezie, il Kashmiri naan dolce con ripieno di noccioline e uvetta… e molte altre ancora, tutte deliziose. Ho voluto riprendere la vecchia usanza la pasta madre per preparare l’impasto e aggiungere lo yogurt per renderlo liscio e profumatissimo. Il pane naan viene cotto in particolari forni di terracotta ma possiamo sopperire alla mancanza di questo antico attrezzo utilizzando il forno o una piastra di ghisa, che lo rende più simile ad roti o ad una pita, mantenendo pero le sue caratteristiche. Io uso il pane naan ripieno con il formaggio anche come antipasto o aperitivo, il suo sapore e la farcitura morbida e cremosa invoglia ad addentarne uno dopo l’altro ancora caldo.

pane naan (53)b
Ingredienti per 4 pani naan

(more…)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Gnocchi al Semolino con Pistacchi e Taleggio

Mentre fuori il maltempo impazza e io sono bloccata in casa senza poter far nulla delle mille cose in programma per il sabato (sostituire i copertoni alla bici, stendere il bucato, estirpare le vecchie piante e travasare le piantine di ciclamini sulle balconiere ecc ecc). Mi metto all’opera per preparare il pranzo, aprendo la dispensa un barattolo con il semolino da cuocere avanzato dai fantastici gnocchi alla romana di qualche settimana fà ha attirato la mia attenzione ed ecco che in pochi minuti una nuova ricetta era pronta da assaggiare … Non resta che scegliere il condimento più adatto per accompagnare questi piccoli e deliziosi gnocchetti, semplicissimi e anche parecchio economici che in questo periodo non guasta. Nel frigo i formaggi puzzosi :) ma buoni come Taleggio e Gorgonzola non mancano mai e credo che possano essere l’ideale per dare carattere a questi gnocchetti! Scelto quello più puzzoso occorre però mixarli con qualcosa di altrettanto goloso per non farli diventare stucchevoli ed ecco che vengono in mio aiuto i pistacchi di Bronte, che da buona siciliana, non mancano mai nella mia dispensa insieme a mandorle e pinoli. L’acqua bolle, la tavola è apparecchiata e allora non resta che augurarvi buon pranzo!!!!

gnocchi di semolino (49)b

Ingredienti per 4 persone

(more…)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Filone Tutto Semola con Pasta Madre

Amo il pane di semola… fà parte della tradizione alimentare della mia terra, quando sono li non ne sento la mancanza perché tutti i fornai lo preparano regolarmente, anche più volte al giorno, anche al supermercato si trova già pronto in grosse pagnotte già tagliate in comode fette pronte all’uso. Ma qui a Voghera la metà del pane che producono i panettieri è di farina bianca super raffinata dal sapore per i miei gusti un po anonimo, sarà il clima, sarà la lavorazione ma mezz’ora dopo averlo comprato è già gomma piuma ideale per dare da mangiare alle carpe del laghetto, ed ecco che forse il pane per i tost risulta più goloso.
Appena riavuto un forno (fornetto) funzionante, la mia pasta madre bella ciccia e grassottella era li pronta ad allietare i miei pasti e le mie merende (si perché una cosa che adoro è fare merenda con una fetta di pane di semola cosparso di buona crema alla gianduia ma anche una fetta di buon salame di Varzi non la disdegno mica).
Ecco allora la mia ricetta del filone di semola con la “ciciulena” ovvero con i semi di sesamo, come si chiamano simpaticamente nella mia città. Che per me gli conferiscono quel sapore di infanzia, di quando da bambina con le dita piccine e paffutelle raccoglievo i semini che cadevano sulla tovaglia durante il pranzo, lasciando perdere il resto del cibo che era presente nel mio piatto, per me era un gioco, per i miei nonni un pò meno…. e ancora oggi a distanza di parecchi anni a fine pasto mi ritrovo a raccattare i semini uno per uno dalla tovaglia, imbambolata come in un gioco.
C’è un pane che vi ricorda l’infanzia? un gesto che non potrete mai dimenticare nei vostri ricordi di bambini???

filone di semola  (14)b

Ingredienti per un filone da un 1kg circa

(more…)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook

Topinambur e Piselli Trifolati per un contorno leggero

Qualche giorno fà ho ricevuto in regalo questi meravigliosi prodotti della terra i Topinambur direttamente da un orto della zona, in Sicilia ho sempre difficoltà a reperirli e per questo non li cucino mai, qui invece in Oltre Po si coltivano e trovano sui banchi della frutta abbastanza comunemente. A me piacciono molto: sia per la loro forma un po arzigolata che per il loro sapore particolare… “sembra una patata che sà di carciofo” rispondo cosi quando mi chiedono cosa sono e di cosa sanno, so che non è una definizione al top, ma è un modo semplice per far capire a chi non li ha mai mangiati il loro sapore. I Topinambur si possono usare per tantissime preparazioni: risotto, vellutate, contorni a carne e pesce, anche cucinati semplicemente hanno il loro perché, si sposano benissimo con tante verdure sopratutto autunnali come i funghi e primaverili come i piselli… che ne pensate di farli trifolati??? Io oggi li porto in tavola cosi come contorno ad una fetta di carne alla griglia.

topinambur e piselli (20)b

Ingredienti per 4 persone
(more…)

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
Share on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Facebook