Paccheri con Pistacchi, Mandorle e Prosciutto

Finalmente sono riuscita a mettermi dieci minuti al pc e fare l’ ordine al sito “La Compagnia del Cavatappi”... è stata una bella impresa inquanto solo 10 min non bastano per decidere cosa prendere fra i mille prodotti che vi sono nella sez Gastronomia come la Pasta e il Miele, la fornitissima Enoteca per non parlare dei dolci pasquali… una vera goduria!
alla fine ho dovuto prendere una decisione, ho messo tutto nel carrello e cliccato invio… questi sono i prodotti della mia dispensa! Grazie Compagnia del Cavatappi

  • Pasta di Gragnano (paccheri, calamarata e orecchiette napoletane)
  • Pomodorini di Gragnano
  • Patè di pomodorini e capperi
  • Pesto Donnafugata
  • Miele di Zagara al Limone
  • Mandorle e Nocciole ricoperte di cioccoalto fondente
  • Cioccolatini


da buona forchetta e golosona quale sono non ceduto alla tentazione e dopo dieci minuti che il postino aveva suonato alla porta ho iniziato a provarli… gnam gnam! Strepitosiiiiii di altissima qualità, sapori decisi ma allo stesso tempo delicati come il patè di pomodorini e capperi, la pasta abbraccia il sugo e rimane perfettamente al dente segno di un ottimo grano duro… e vogliamo proprio parlare del cioccolatooooooooo divino!!!!

******************************

Per provare i Paccheri avrei usato la ricetta tradizinale Partenope… ma mio fratello, il mio assaggiatore di fiducia e critico di tutto rispetto (tranne quando si tratta di verdure!), ha proposto di accoppiarli con i Pistacchi di Bronte…e io non me lo sono lasciata ripete due volte… avevo ancora in frigo un pò di quel buonissimo pesto e appena l’ acqua bolle è gia tutto in pentola!!!

Ingredienti per 4 persone

350g di Paccheri di Gragnano
1/2 cipolla bianca
1 barottino di panna da cucina
2 cucchiai di Pesto di Pistacchi e Mandorle
100g di prosciutto cotto a dadini
2 cucchiai di granella di pistacchi di Bronte
sale marino iodato fine
pepe nero macinato
noce moscata
burro o olio evo

Rosolare la cipolla tagliata fine, aggiungere il prosciutto e lasciare insaporire, aggiungere il pesto di pistacchi e la panna. Spegnere il fuoco regolare di sale, pepe e noce moscata.
Cuocere la pasta in abbondante acqua salata per il tempo necessario. Scolarla al dente e saltarla con il condimento precedentemente preparato. Disporre sui piatti e spoverare con la granella di pistacchio. Servire calda con un buon bianco Siciliano.

RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Pinterest
Pinterest
Instagram

24 pensieri su “Paccheri con Pistacchi, Mandorle e Prosciutto

  1. valina

    Io sto aspettando delle spiegazioni dalla compagnia x inviare finalmente il mio ordine! Qual è la “tipica ricetta partenope” x i paccheri??

    Rispondi
  2. Arietta

    questa ricetta è spettacolare, la provo di sicuro, anche eprchè devo proprio fare del pesto per consumare dei pistacchi inviatimi dalla Sicilia da un’amica foodblogger….e ovviamente riordinarne degli altri 😀

    Rispondi
  3. manu e silvia

    Anche anoi dovrebbe arrivare il pacco a giorni e probabilmente, come te, resisteremo molto poco per la curiosità di assaggiarli.
    Tra l’altro le cose ceh abbiamo ordinato sono circa le stesse che hai scelto tu….
    buonissimi questi paccheri! Sai ceh adormao i paistacchi e l’utilizzo di questo pesto con in più il prosciutto ed i pistacchi….sublime!!
    baci baci

    Rispondi
  4. Lalla

    b sera a tutte

    arietta… e bee almeno una volta bisogna provarlo il pesto di pistacchi!

    alchimista grazie!

    cristina proprio un ottima faccia da paccheri!!!

    manu e silvia beee non è la priam volta che ci accorgiamo di aver egli stessi gusti ;)provateli quano potete e fatemi sapeer che ne pensate!

    cenerentola grazie mille!

    graziella e imma grazie anche a voi!

    baci e b serata

    Rispondi
  5. Lalla

    Mica io era la priam cosa che avevo adocchiato a dire il vero … è un formato che adoro e che a messina mi è risultato difficilissimo trovare!

    Simo dovresti provarla… strepitosa!

    Rispondi
  6. Nere

    Ciao Lalla. È molto bello il tuo blog.
    ok,è da molto tempo che non pratico il mio italiano, allora chiedo scuse formali per i miei errori. Sebbene qua (Caracas-Venezuela)non posso trovare ingredienti della stessa qualitá, cercherò di fare questa ricetta al piú presto. Fortunatamente qua non siamo tanto esigenti all’ora di mangiare come voi.
    Grazie dalle tue ricette e dall’amore che trasmetti quando scrivi sulle cose che ti apassionano.
    alla prossima,
    Nereida

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.