Home Pasta MadrePane, Pizza e Focaccia Stecche semintegrali di Jim Lahey con Pasta Madre

Stecche semintegrali di Jim Lahey con Pasta Madre

Di piccolalayla

Stecche semintegrali di Jim Lahey con Pasta Madre… per un pane senza fatica!

Ecco la sfornata ieri … ma come  è già finito?!?!?!…. Alle volte, anzi il più delle volte aggiungerei, le cose semplici, senza troppi passaggi risultano anche meravigliosamente apprezzate, il risultato: fate un po voi… questo pane non è arrivato a diventare duro.. dopo 12 ore non ne era rimasto neanche un “culino”! Un vero e proprio successo: croccante quanto basta fuori, soffice e alveolato dentro, profumato e leggero da poterne mangiare una stecca intera senza sentirsi pesi sullo stomaco.

Questo pane ha spopolato sul web per un sacco di tempo e devo dire che anche io mi sono fatta prendere la mano più volte nel prepararlo quando ho iniziato ad usare la pasta madre (qui e qui) è l’ideale per chi inizia perché è semplice e senza tanti passaggi nella lavorazione… E’ conosciuto con tanti nomi: pane senza impasto / no knead bread o pane cotto in pentola…

La cosa bellissima di questo pane che la fatica più grande nel farlo è non toccare la scodella durante le 18-20 ore di lievitazione… e si ha una lunga lievitazione a temperatura ambiente e per questo si usa veramente pochissima pasta madre (o lievito in generale). Nella versione originale veniva usata la farina bianca … ma io sono un amante del pane rustico di quello che quando lo mangi fà  letteralmente “crock” e la crosta continua scrocchiolare sotto i denti ad ogni morso … e che ti lascia in bocca quel profumo di pane che difficilmente si trova al supermercato o dal panettiere moderno poco atto alle cotture rustiche… cosi ho decido di modificarla “tagliando” il tutto con della fantastica farina integrale di grano tenero siciliano coltivato sulle Madonie molinata a pietra dei Molini del Ponte dove sapore e qualità si fondono in un prodotto unico e speciale…

Se vi siete da poco avvicinati al mondo del pane fatto in casa e non conoscete Jim Lahey, vi consiglio di guardare questo video… vi sarà d’aiuto per capire la ricetta qui giù!

Stecche semintegrali di Jim (39)b

Ingredienti per 3 stecche di Jim Lahey

325 g farina 0 molinata a pietra
150 g farina integrale molinata a pietra Molini del Ponte ( + quella per il piano)
380 g acqua fredda
50-60 g pasta madre rinfrescata (4 ore prima)
1 cucchiaino zucchero di canna (o malto)
1 cucchiaino sale fine marino iodato
olio evo
sale marino iodato grosso

Stecche semintegrali di Jim (20)b

In una grande contenitore sciogliete nell’acqua fredda: lo zucchero e la pasta madre, unite le farine e il sale. Mescolare con un cucchiaio pochi minuti fino ad ottenere una pasta grezza.
Chiudete con il coperchio o con la pellicola trasparente e lasciate a lievitare, lontano da sbalzi di temperatura, per 18 ore circa.

Stecche semintegrali di Jim (13)b

Pieghe e lievitazione

Infarinate abbondantemente un piano di lavoro, capovolgete l’impasto e con l’aiuto di una paletta portate i lembi verso il centro dell’impasto, proseguite facendo un giro completo dell’impasto. Noterete che esso prende corpo e non è più appiccicoso. Disponetelo su un piano o in un cestino e copritelo nuovamente con un canovaccio pulito e lasciate a lievitare in un luogo lontano da sbalzi di temperatura per altre 2-4 ore o fino al raddoppio di volume.

Cottura delle stecche di Jim Lahey

Riscaldate a 250°C il forno con la leccarda dentro.
Disponete l’impasto sulla spianatoia tagliatelo in 3 pezzi, in maniera delicate prendete l’impasto tra le mani e allungalo sulla leccarda (spennellata di olio o rivestita di carta forno) da bordo a bordo per tutta la lunghezza, distanziandole di qualche cm una dall’altra. Spennellate nuovamente con l’olio e il sale grosso la superficie delle stecche e cuocete in forno caldo a 230°C per 20-25 min, spegnete il forno e lasciate riposare il pane 5 min con lo sportello aperto, per permettere la fuoriuscita del vapore, successivamente ponete a raffreddare su una grata.

Stecche semintegrali di Jim (22)b

Ti potrebbero piacere anche...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.