Tacconelli al Basilico per la Zuppa di Borlotti

Avete mai mangiato questa pasta? Per chi non li conoscesse i “tacconelli” sono un tipico formato di pasta tradizionale abruzzese: piccole losanghe di pasta di semola o all’uovo che vendono usate nelle zuppe di legumi ma anche servite con sughi a base di pesce (che scoperta paradisiaca).

Fino a qualche anno fa non sapevo neanche cosa fossero questi piccoli rombi, fin ché i miei li portarono da un loro viaggio in questa bellissima terra ed ecco che nacque un amore tra me, la pasta e i legumi!!!Posso sentire le mie papille gustative, mentre vi scrivo, che si arricciano ripensando al loro magico sapore, cucchiaiata dopo cucchiaiata!

I tacconelli che vi preparo oggi sono un pò speciali sempre seguendo la tradizione ma con un tocco in più, aromatici… chiamiamoli così: con piccole foglie di basilico nano a palla: una pianta che a guardala sembra più ornamentale che aromatica ed utilizzabile in cucina, con il suo aroma delicato e persistente…

Ho trovato raramente questo basilico nei negozi della mia zona e nei vivai, quando ne ho avuto l’occasione ho comprato direttamente i semini per piantarli in primavera nei miei vasi in balcone… Il basilico nano non ha bisogno di cure particolari, rimane bassa e piccola nel vaso o sulle balconiere ma cresce molto in fretta.

A fine estate il mio frizzer è pieno di bustine profumate di queste meravigliose foglioline da poter usare per tutto il resto della stagione. Solitamente amo aromatizzare la pasta e fagioli con il basilico o con il pesto, ma questa volta mi sono detta perché il profumo non metterlo già nella pasta? Ed ecco che nascono in pochi minuti i miei tacconelli al basilico nano….

Volete un assaggio?

tacconelli al basilico (15)b

Ingredienti per 4 persone

  • Per la zuppa

300g fagioli borlotti freschi o surgelati
1 carota
1 cipolla
1 patata
1 costa di sedano
1 spicchio d’aglio
2 foglie di alloro
sale marino iodato grosso
pepe nero macinato o peperoncino
olio evo
basilico o rosmarino

  • Per i tacconelli

200g semola per pasta fresca
2 cucchiaini di foglie di basilico fine ( o basilico tritato sottile)
acqua tiepida qb
sale marino iodato fine

tacconelli al basilico (20)b

  •  Preparare la zuppa

Versate in una pentola capiente i fagioli, le verdure tagliate a dadini molto piccoli, le erbe aromatiche e acqua fredda a coprire. Cuocete a fuoco dolce per il tempo necessario a far diventare teneri i fagioli. Salate solo al termine della cottura dei fagioli per evitare che le bucce induriscano.
Prelevate una piccola parte di fagioli e con una forchetta o con il frullatore ad immersione o con il passa verdure passateli fino ad ottenere una purea sottile. Versate la purea nella pentola con la zuppa e tenete in caldo.tacconelli al basilico (1)b

  • Preparare la pasta

Versate sulla spianatoia la semola, salate e unite il basilico mescolate tutto insieme e fate una fontana. Versate nel centro acqua tiepida quanto basta e lavorate l’impasto fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea. Lasciate riposare l’impasto avvolto in un canovaccio o in una busta di plastica per surgelati.

tacconelli al basilico (4)b

Una volta trascorso il tempo stendete la pasta con il mattarello su un piano infarinato, o con l’apposita macchinetta fino ad ottenere delle sfoglie dello spessore desiderato. Tagliatele con un coltello o con l’apposita trafila la sfoglia in rettangoli di 2  x 1 cm. Cospargete il piano di semola e lasciate la pasta ad asciugare per un ora prima di cuocerla.

tacconelli al basilico (8)b

  •       Cuocere la pasta

Portare nuovamente a bollore la zuppa regolare di sale se necessario e cuocete la pasta per il tempo necessario, una volta pronta cospargete con pepe nero, foglie di basilico o rosmarino e un giro di olio evo a crudo. Lasciate riposare qualche minuto prima di servirla in tavola.

tacconelli al basilico (13)b

RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Pinterest
Pinterest
Instagram

4 pensieri su “Tacconelli al Basilico per la Zuppa di Borlotti

  1. anna

    Grazie Laura!
    Parli sempre così bene della mia terra. Anche se l’Italia è bellissima tutta e si mangia bene in tutte le regioni, come nella tua splendida isola.
    Ti seguo sempre con tanto affetto, ciao dolce layla. Anna

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.