Archivi tag: Agnello e Capretto

tajine di agnello (22)b

Tajine di Agnello con Patate e Carciofi

Ho cercato il tajine per anni, credo di essere andata in tantissimi negozi: macellerie islamiche, supermercati etnici, negozi di caccavelle in terracotta, ma non c’era mia quello che volevo: adatto per cucinare, di terracotta smaltata certificata, grande abbastanza per almeno 4 porzioni e con un prezzo raggionevole. Si ci sono tantissime marche che lo fanno ma non ho 200€  da spendere per una caccavella da cucina solo perché firmatissima dalla marca X, e tra le altre cose non originale della terra di provenienza.

Un giorno un amico carissimo tornando dal luogo dove vive da qualche anno, mi ha portato un regalo, uno splendido tajine di terracotta smaltata enorme ma aprendo la confezione però il piatto è arrivato rotto, non ha superato il viaggio di parecchie ore in giro per il mondo.
Sono andata dalla mia amica ceramista, che mi ha mandato alla fornace, dopo ho lasciato il coperchio per farmi fare un nuovo piatto; gli anni sono passati ma del tajine nessuna notizia, cosi sono ritornata in possesso del coperchio solo quest’estate… che sfortunatamente ora sta a prende polvere su un ripiano nella cucina di mia madre mai utilizzato, nella speranza che alla fornace si ricordino di me e si ricordino di farmi il piatto tanto atteso per anni, ma ne ho perse le speranze ormai.

Poi quest’estate un paio di giorni prima di tornare in Lombardia, mi chiama G. esaltato: ” Un cliente, mi hanno fatto un regalo: Il tajine! Grande e smaltato come lo volevi”. Un tajine vero, perfetto: piatto di terracotta smaltata, cono decorato e smalto, grande abbastanza per sfamare tutti e apposito per cucinare, con tanto di bollino vernice senza piombo (Quando comprare una cosa di terracotta prodotta fuori dalla UE, controllate sempre che riporti la dicitura senza Pb, nocivo per la nostra salute.) Non credete che trovare un tajine sia cosi facile, in vendita nei vari negozi etnici ci sono: quelli per cucinare, quelli smaltati da cima a fondo ideali come piatto da portata per servire in tavola le pietanze, ma non adatti per essere messi sul fuoco, quelli monoporzione troppo piccoli per noi golosi e via dicendo.

Senza saperlo questo signore ha fatto la mia felicità, ha aperto un modo di ricette nuove nella mia cucina anche per la felicità di G., ha fatto entrare in casa mia per la prima volta in assoluto l’agnello, si avete capito bene, ho cucinato per la prima volta l’agnello. Io solitamente mangio solo gli arrosticini alle sagre e alle grigliate con amici, qualche pezzetto di agnello in umido o al forno a casa dei parenti che lo cucinano, ma niente di più e invece eccomi alle prese con con questa nuova carne, che invade di profumo la mia cucina. Ora che l’ho scoperto se avete ricette da propormi… sono aperta a tutte le novità gastronomiche.

Cosi dopo aver fato il trattamento completo al mio tajine, spiegatomi da un amica speciale, necessario prima di iniziare a cucinare:  a bagno per una notte in acqua fredda, sul fuoco con lo spargifiamma con erbe aromatiche e spezie per insaporirlo, lavato con sola acqua tiepida, asciugato, l’ho piazzato sui fornelli con il suo spargi fiamma e mi sono messa all’opera per preparare il Tajine di Agnello con Patate e Carciofi.

Alla fine non ha nulla di più complicato di uno spezzatino in pentola tradizionale, i tempi di cottura sono gli stessi ma il sapore è tutto diverso, dovete prendere l’occhio per le dosi di ingredienti e i liquidi da inserire; io la prima volta che l’ho usato, ho esagerato con i liquidi, facendo cadere fuori tutto il brodo giallo a base di curcuma e zafferano, ora ho un tappeto di 3 mt da smacchiare, arrotolato nel ripostiglio.

Non mi resta che augurarvi di poter almeno una volta assaporare questa meraviglia della cucina marocchina, e a breve vi preparerò nuove ricette, anche vegetariane, da preparare con il tajine.
 tajine di agnello (13)b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

chorba carne legumi verdure (30)b

Chorba con Verdure e Legumi… una zuppa speciale!!!

Tranquilli non ho sbagliato a scrivere il titolo della ricetta che voglio mostrarvi: la parola Chorba significa letteralmente “zuppa” ed è un piatto tipico dei paesi del Magreb: Algeria, Tunisia e Marocco. Come in ogni luogo al mondo, ogni nazione ha le proprie zuppe tipiche, che ogni famiglia sperimenta e modifica secondo il proprio gusto personale e le proprie origini. La Chorba è un ricco piatto unico ideale da servire a tutta la famiglia durante ogni periodo dell’anno, ma principalmente viene preparata durante il Ramadan: il mese del digiuno, periodo dell’anno in cui i fedeli islamici, devono astenersi dal mangiare e bere durante le ore di luce, cioè dall’alba al tramonto. Il mese è stabilito dal calendario islamico e ogni anno ricade in un periodo diverso, ha una durata di 28 giorni. [fonte Wiki]

Nelle ultime settimane i paesi islamici sono nel mirino della follia umana, si per me l’unico modo di definirlo è questo, eventi tragici e assurdi che nel 2015 stento a credere succedano ancora, siamo capaci di mandare gli uomini e le donne :) nello spazio ma non siamo ancora stati capaci di imparare a vivere in simbiosi. Nonostante sia una cosa che tocca tutti noi, in quanto le minacce sono proprio dietro l’angolo di casa, non voglio parlarne in questa sede e preferisco mantenere il mio blog un angolo dove tutto il mondo sia un luogo sereno e colmo di meraviglie, conosciuto per i piatti tipici, i luoghi incantati, dove incontrare per strada i sorrisi della gente e mescolare insieme le culture con il cuore e non con le armi.
Continuerò a: cucinare, assaporare e riempire la mia casa di profumo di spezie, di piatti tipici e di riti antichi; il mio ruolo (se cosi si può definire) non è parlare di odio o religione ma di cucina, di amore per il cibo e di sapori della tradizione.

In questi anni ho preparato mille volte il cous cous, che esso sia precotto o nato da ore seduta a girare piccoli granelli di semola con l’acqua e tante altre ricette di cultura islamica, alcuni piatti sono veramente speciali perché emanano amore puro come i luoghi dove nascono, se provate ad assaporare questa zuppa favolosa e profumata capirete immediatamente di cosa parlo.
Grazie a tutte le sue spezie che compongono il Ras el Hanout letteralmente tradotto in italiano: “Capo o Testa della drogheria” un mix degli ingredienti più ricchi e preziosi che si possono trovare nelle tipiche e variopinte drogherie dei paesi nordafricani e mediorientali composto di: spezie, piante e fiori, può contenere fino a 50 ingredienti.
Ne esistono moltissime varietà, ogni famiglia ha la sua ricetta che si tramanda da generazioni. A grandi linee possiamo dividerle in base al colore della miscela: Giallo con predominanza di curcuma dal sapore delicato; Rosso con peperoncino / paprika dal sapore più piccante e leggermente pungente che esalta le carni; Bruno dal colore più scuro tra il marrone e il verde (che non sono ancora mia riuscita a trovare in commercio quindi non vi so dire a cosa poterlo abbinare) …..

La Chorba ha mille ingredienti e tante varietà di carne e legumi tra cui scegliere, un piatto che riempie non solo stomaco ma anche il cuore di quei gesti e quel calore che pochi popoli ancora riescono a dare nei piatti. Se non volete seguire la tradizione potete usare la carne che preferite o farla solamente di verdure e legumi per gli amanti della cucina vegetariana, state sicuri che una volta provata sarà difficile dimenticarsi del suo profumo e di quel gusto anche una volta svuotato il piatto.

Nella chorba si può aggiungere la pastina di grano duro, si proprio la pastina quella che si da ai piccoli (ma anche ai grandi) e cuocerla in questa meravigliosa zuppa o potete servirla con del cous cous bianco cotto a vapore o secondo le modalità che preferite.

chorba carne legumi verdure (29)b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

kotfa (12)

Kofta ovvero Polpettine di carne d’agnello speziate con salsa bianca alla Menta

Chi mi conosce sa che non amo particolarmente la carne, mangio a stento il pollo una volta la settimana e anche meno… ma quando si tratta di piatti stranieri il discorso cambia… sarà la presenza delle spezie che mimetizzano i sapori della carne rendendoli appetibili al mio palato…

Questa ricetta è semplicissima da un sapore speziato e fresco dato dalla menta ottima per una cena estiva con gli amici accompagnata da una salsina allo jogurt altrettanto fresca e da una bella insalata mista  altrimenti nella versione più classica con un bel Taboulè Libanese… e accompagnarle con Hummus di ceci o di Melanzane, veramente squisiti.

 

Ingredienti per 5-6 persone (circa)

Continua a leggere