Archivio mensile:dicembre 2017

Tonnarelli Cacio e Pepe per le Vacanze Romane

Tonnarelli Cacio e Pepe per le mie Vacanze Romane…

Vacanze Romane, la mia prima vera vacanza nella Capitale e il mio primo piatto di veri Tonnarelli Cacio e Pepe. Sono sempre stata a Roma di passaggio non l’avevo mai visitata da turista (si lo so una pecca che per una girovaga come me non poteva esistere) ed ecco l’occasione perfetta per una visita nella Capitale sono state le nostre vacanze di Natale.

Fontana di Trevi

Vi ho raccontato in questo post, quanto mi mancasse trascorrere il Natale nella mia Isola, con la mia famiglia e i miei amici bee quest’anno non ho avuto modo di sentire la nostalgia di casa perché un pezzo della mia isola si è spostata nella capitale, si per una vacanza di famiglia. Grazie alla mia sorellina (mia cognata) che ha organizzato in Natale in famiglia a Roma.

Piazza di Spagna

E io mi sono sentita nuovamente a casa, con la mia famiglia e l’amore incondizionato che scoppietta come un fuoco nel camino. Tra risate, chiacchiere e pasticci in cucina. Tanti pasticci, tanto da aver battezzato la cucina di casa, che di ragù e besciamella per un esercito non ne aveva mai visto.

Non sono stata solo ai fornelli o a tavola (anche se la bilancia potrebbe dire diversamente), abbiamo fatto i turisti con tanto di macchina fotografica al collo e naso all’insù per ammirare le bellezze dalla capitale, abbandonata la macchina eccoci saliti sulla metro per iniziare il nostro tour con due ciceroni speciali.

Abbiamo girato parecchio e siamo riusciti a vedere solo una minima parte di Roma ma non poteva mancare una visita al simpatico #spelacchio a cui i romani si sono affezionati lasciandogli dolcissimi messaggini.

Vittoriano a RomaNon mi sono certo fatta scappare una cena in un ristorante tipico romano a

Testaccio

da Flavio per assaggiare i tonnarelli cacio e pepe, la Gricia, la Matriciana e il carciofo alla Giudia e vogliamo parlare dello street food per le vie della capitale: il supplì e la pizza romana, una sosta per affondare il cucchiaino in due tiramisù da viaggio (pistacchio e frutti di bosco) da una nota catena di pasticcerie romane e fare merenda dentro un pastificio artigianale storico del centro di Roma con una Matriciana da paura, si una merenda cosi non non l’avevo mai fatta.

Finite le vacanze e tornata a casa non ho neanche disfatto le valigie e sistemato, mi sono  subito fiondata al pc (erano 4 giorni che non lo accendevo) alla ricerca della vera ricetta dei

Tonnarelli cacio e pepe

Gli ingredienti sono pochissimi, il procedimento semplicissimo e occorrono 10 minuti per mettere a tavola questo piatto delizioso a patto che usiate gli ingredienti giusti: il pecorino romano DOP (io l’ho trovato nel banco frigo con tanto di certificato) e pepe nero macinato al momento. La ricetta dei Tonnarelli cacio e pepe ha trovato un  posto speciale nel mio cuore insieme al ricordo di questo bellissimo Natale in famiglia.

Qualche curiosità: i tonnarelli o spaghetti alla chitarra sono gli spaghetti quadrati che vengono tagliati con il Telaio per pasta alla Chitarra, composto  proprio con corde di chitarra. Io ho scelto di usare la trafila: Spaghetti alla Chitarra della Marcato per la mia sfogliatrice Atlas 150.

Non mi resta che augurarvi uno 
scoppiettante San Silvestro, 
un Felice Anno Nuovo
e un arrivederci al 2018 !!!!

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Spaghetti con le Sarde Velocissimi

Sono drogata di pesce azzurro, Dopo aver preparato e fatto un abbondante scorpacciata di sarde a beccafico di cui vi ho parlato in questo post ne ho acquistate ancora e si avete capito bene ancora sarde da consumare, volevo preparare un classico ma sfortunatamente non avevo finocchietto selvatico per fare la pasta con le sarde alla palermitana e cosi ho ripiegato, si fa per dire per una pasta più semplice, velocissima ma altrettanto buona e saporita e ho preparo gli spaghetti con le sarde velocissimi. Un primo piatto naturalmente siciliano e naturalmente golosissimo, che non può mancare sulle tavole isolane.

Quando acquisto il pesce fresco ne faccio sempre grandi scorte nonostante noi siamo in due solamente a tavola, ovviamente qui da noi non sempre si trova anche se viviamo a pochi km dal più grande mercato del pesce d’Italia (quello di Milano) ed altrettanti da quello di Genova. Sfortunatamente qui nella provincia il pesce di mare è spesso accantonato in favore di quello di lago o di fiume, che chiaramente io non riesco a mangiare.

Gli ingredienti per preparare gli spaghetti con le sarde velocissimi sono pochi e vi assicuro che questo sugo si prepara in sostanza nello stesso tempo che si riscaldata l’acqua nella pentola e cuoce la pasta (praticamente 20 minuti volendo prendercela comoda).

Nonostante i sia un amante delle cotture tradizioni e dei piatti tipici della mia terra come del resto il nome del mio blog vi conferma. Scelgo di preparare piatti veloci, leggeri per quanto posso, mescolando insieme ingredienti che conosco bene e quelli che ho a disposizione, di conseguenza nascono sempre piatti nuovi e sfiziosi, non troppo distanti dalla mia tradizione e dai sapori con cui naturalmente sono cresciuta sulla mia isola.

Prima che me ne dimentichi…

i miei migliori
Auguri
per un felice Natale!!!!!

spaghetti con le sarde velocissimi

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Spätzle di Spinaci con Panna Acida

Naturalmente io sono una gran curiosa quando si tratta di cibo, mangerei quasi tutto quello che mi si propina sotto il naso. Tutte le volte che vado al supermercato e non ho una lista della spesa o un idea precisa in testa mi trovo a vagare per le corsie, qualche volta mi lascio stregare e acquisto anche qualche prodotto nuovo cosi senza pensarci, è un po quello che è successo la prima volta che ho mangiato gli Spätzle di spinaci una di quelle confezioni pronte del banco frigo… ma aimé una volta portati a tavola io e G. ci siamo guardati in faccia come a dire “se mangiavamo aria forse era meglio”… deludenti, inconsistenti, insapore un completo fallimento… abbiamo finito il piatto giusto perché non avevo altro per pranzo, che tristezza in sostanza un totale fallimento.

Ma cosa sono gli Spätzle di spinaci? In pratica e in breve li possiamo chiare gnocchi tirolesi, per chi non li conosce sono dei deliziosi gnocchetti dalla forma irregolare fatti a base di spinaci, uova e farina, originari dell’Nord Europa: Germania meridionale,  in Tirolo, Alsazia e Svizzera, ma li potete trovare anche sulle tavole del Trentino-Alto Adige, si preparano in pochissimi minuti e si cuociono come i classici gnocchi di patate (quando salgono a galla sono pronti per essere tuffati nel condimento) ma questi vengono lavorati tramite un attrezzo chiamato Grattugia per spätzle  molto simile a quella dei passatelli che li fa cadere direttamente in acqua bollente dandogli una forma irregolare, leggermente allungata, diversamente dai classici gnocchi i patate a cui siamo abituati sulle tavole italiane.

Ovviamente si possono condire con del semplice burro e salvia o per gli amanti con un po’ di panna da cucina e speck, o con dei formaggi, ma se di buona qualità basta veramente poco per portare in tavola un piatto speciale.

Ora che è tempo di spinaci e ne avevo un po’ in frigo già lavati e lessati (troppo pochi per un contorno per due o per un secondo) mi sono detta magari provo a farli io; e per la salsa? Bee apro il frigo ed ecco che gli ingredienti si sono materializzati tra le mie mani e vi assicuro che il risultato è stato un successo! Tanto da replicare dopo pochissimo tempo con lo stesso condimento e lo stesso buonissimo sapore.

Naturalmente potete acquistare gli spinaci surgelati per preparare questo piatto ma il sapore perderà un po’ di intensità, guadagnando in tempo e praticità, in cucina bisogna sempre trovare il bilancio perfetto delle cose sopratutto per chi lavora o ha piccoli da accudire. Ovviamente la scelta degli spinaci freschi richiede una lunga preparazione precedente alla preparazione vera e propria della ricetta.

Se anche voi siete dei curiosi per natura e vi piace scoprire sempre sapori nuovi questo piatto di Spätzle di spinaci è perfetto per voi. Inoltre questi gnocchetti sono ottimi anche conditi con un po’ di burro e parmigiano, mantenendo intatto il sapore degli spinaci per quelle sere dove le idee scarseggiano ma la voglia di qualcosa di buono è sempre presente.

Spätzle di Spinaci

 

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Laadass – Zuppa di Lenticchie Marocchina

Se passate spesso dal mio blog saprete già che amo la cucina speziata, perciò spesso uso le spezie anche nelle ricette italiane per dargli quel tocco speciale e renderle nuove e accattivanti in tavola. Ma oggi invece voglio proporvi una ricetta veramente speziata la Laadass una zuppa di lenticchie marocchina.

In casa nostra le lenticchie sono il legume più usato e anche il più apprezzato: si cuociono velocemente senza bisogno di ammollo, si prestano a tante ricette un esempio: polpette, burger e contorni;  è un legume ricco di ferro sebbene per assimilarlo occorre aggiungere un po’ di succo di limone, non chiedetemi qual’è il processo. Inutile aggiungere poi che il loro sapore conquista anche i palati dei più piccoli rendendolo la lenticchia anche il legume preferito dei bimbi (mio nipote di due anni potrebbe divorarne piattoni da adulti continuando a chiederne).

Di conseguenza preparandole cosi spesso sono sempre alla ricerca di nuove ricette sfiziose ed ecco tra i miei appunti di cucina etnica mi sono imbattuta in questa deliziosa zuppa dal sapore intenso e dall’aroma inconfondibile, anche G. nonostante il quantitativo di spezie ha apprezzato e l’ha mangiata con gusto. Ho accompagnato la Laadass con del riso bollito, ma potete servirla con del pane o del cous cous bianco o al vapore, per rendere ancora più sostanzioso il tutto o altrimenti potete aggiungere un po’ di pastina da brodo (non all’uovo).

Dunque non vi resta che mettere sul fuoco il brodo e affettare le verdure cosi da portare a tavola questa deliziosa zuppa di lenticchie marocchina.

Laadass la zuppa di lenticchie marocchina

Ingredienti per 2 persone

Continua a leggere

Spezzatino di Manzo con Verdure

Se frequentate il mio blog avrete capito che non sono un amante della carne (ma non sono vegetariana): non mi piace mangiarla spesso e non mi da soddisfazione cucinarla, alle volte non mi cimento neanche nel prepararla lasciando questo compito ad altri. Tuttavia G. mi chiede di preparagli qualcosa (lui è un carnivoro nato) e non posso tirarmi indietro dopo che lo costringo per settimane intere a mangiare verdure in tutte le salse e cotture e questa volta è il turno dello spezzatino di manzo con verdure.

Cosi arrivati al reparto macelleria scegliamo insieme cosa e come cucinarla per poter acquistare tutti gli ingredienti necessari e non trovarmi poi a casa a non avere questo o quello. In autunno/inverno senza dubbio le cotture preferite sono quelle lunghe e pucciose, che ti riscaldano il pancino quanto torni a casa da lavoro; così non deve mancare il pentolone di bordo sul fuoco (sono diventata bravissima a farlo prima o poi vi spiego come e vi do la mia ricetta!) e ogni tanto comprare anche il tegame con lo spezzatino di manzo con verdure o qualche altro esperimento come avete potuto notare qui.

Nonostante non ami la carne dello spezzatino di manzo con verdure mi piace l’intingolo da bagnarci il pane, le verdure e il sapore che prendono una volta che tutti gli ingredienti sono mescolati insieme; dunque per questo spezzatino di manzo con verdure ho scelto di usare  tantissime verdure fresche e surgelate (un pò quello che mi ritrovo tra frigo e dispensa) piselli, carote e le immancabili patate; troppa roba?? Il risultato mi è piaciuto un sacco e cosi ho deciso di postarvi come ho fatto.

E voi come lo preparate lo spezzatino di manzo con verdure? Avete qualche trucco particolare? Cosa ci mettete insieme: polenta, pane o riso??

spezzatino di manzo con verdure

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Il Menù di Natale L’Italia nel Piatto

Con le mie 20 amiche dell’Italia nel piatto quest’anno vogliamo farvi un regalo per ringraziarvi di questi 12 mesi trascorsi con noi alla scoperta delle ricette regionali e dei suoi ingredienti: Il Menù di Natale L’Italia nel Piatto.  Un regalo tutto mangereccio da preparare con le ricette regionali della nostra Italia in questi giorni di festa. Per suggerirvi idee e qualche spunto per la tavola di Natale (ma anche per quella di capodanno a voi la scelta).

Abbiamo creato un pdf che potete scaricare cliccando Menù delle Feste L’Italia nel Piatto dove troverete 20 ricette per creare un pranzo o una cena da veri Re toccando in lungo e in largo gli angoli della nostra Italia.

Non perdetevi questa occasione per scoprire cosa si mangia sulle tavole Italiane nei giorni di festa

Il Menù di Natale L’Italia nel Piatto

Il Menù di Natale L'Italia nel Piatto

e’ un ricco  mix di piatti tradizionali dall’antipasto al dolce, con ricette per tutti, alcune molto semplice altre elaborate, ma tutte fatte con amore per addolcire il palato delle persone che amiamo.

Io rappresento la mia amata regione e vi ho proposto un piatto speciale che si prepara tutt’oggi nelle case della mia città.


Il Menù di Natale L'Italia nel Piatto - Regione Sicilia

Pasta con Cavolfiore alla Napoletana

Grazie all’Italia nel piatto ho scoperto tantissime nuove ricette una più bella dell’altra e ho voluto riproporne qualcuna in casa. Ho iniziato con la trippa alla milanese di Chiara e ora voglio presentarvi la Pasta con cavolfiore alla Napoletana di Natalia anche questa ricetta è stata un successione tanto che G. ha fatto il bis confermandomi più volte che gli è piaciuta tanto e di rifarla al più presto!

Un piatto semplicissimo, ma buonissimo perfetto per le giornate invernali: una pasta ricca di sapore dalla consistenza cremosa ma che scalda come una zuppa. Inoltre prepararla è semplicissimo e gli ingredienti di cui abbiamo bisogno sono veramente pochi; ricordiamoci che l’italia nel piatto promuove le ricette regionali di tutti i giorni, quindi cucina semplice e fatta di ingredienti buoni del territorio.

Io sono una grande fan della pasta con cavolfiore qui ne trovate tantissime versioni, e non solo di pasta ma anche secondi e contorni. Come è buona parte della cucina povera si usano gli ingredienti che si hanno in casa quindi non dimenticatevi di tenere da parte le scorze di parmigiano o di pecorino, da tagliuzzare all’occorrenza. Io le uso spesso nelle zuppe e nei minestroni; donano un sapore intenso e una cremosità che fa gola a tutti.

Pasta con Cavolfiore alla Napoletana

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

Cassata siciliana al forno

Cassata siciliana al Forno una tradizione Siciliana

Il calendario segna 2 DICEMBRE! quando si parla di dicembre tutti o quasi tutti pensano al Natale: anche se non sono una fanatica del periodo natalizio da quando vivo al Nord mi manca trascorrere il Natale sulla mia isola: mangiando le prelibatezze tipiche come la cassata siciliana al forno, assaporando le lunghe ore a tavola con la famiglia, gli amici e le chiacchiere.

Per noi siculi (ma come credo per tutti gli italiani) lo stare a tavola è convivialità non importanza se nel piatto ci siano dei semplici “spaghetti, aglio, olio e peperoncino” preparati in 5 minuti o un cenone da grande chef a 11 portate e quintali di argenteria, l’importante è lo stare insieme senza la frenesia del lavoro, degli impegni, dell’orologio che rintocca le ore (se per una volta non mi togli il piatto da sotto al naso quando sto ancora masticando l’ultimo boccone ne sarei felice!)

Lo stesso vale per i doni… ed ecco al tema di dicembre dell’Italia nel piatto:

“NATALE, doni di Gusto!”

spesso ci ostiniamo a dover spendere fior di quattrini comprando cose inutili, fuori luogo, non adatte alla persona che le riceve (si perché alle volte presi dalla foga degli acquisti neanche pensiamo a chi scarterà quel pacco e se realmente è adatto a lui/lei… Io ne sono la prova vivente negli ultimi 4 anni… ho ricevuto più cose a cui non ho ancora tolto l’etichetta di quelle che ho realmente usato per non parlare dei regali cambiati, si lo so non è bello ma provate voi ad avere in giro per casa cose inutili e di gusto completamente opposto al vostro).

Io sono più per la teoria “i gesti parlano meglio dei soldi” e preparare in casa i doni da regalare dà grande soddisfazione: sia a chi li fa che a chi li riceve, non altro per l’impegno messo nel farlo e l’amore che genera.  Panettoni, torroni, biscotti e casette di marzapane, ognuno di noi ha tanto da offrire semplicemente preparando dei piccoli doni con le proprie mani.

Oggi voglio insegnarvi a preparare un dolce tipico siciliano:

la cassata siciliana al forno

Sebbene vi sia una frolla non chiamatela crostata, perché la lavorazione e più lunga e complessa che ci ripaga con il  suo sapore intenso e dal cuore morbido di ricotta e cioccolato, aromatizzata con zucchero a velo e cannella. Solitamente la cassata è un dolce pasquale ma ormai da tempo questa cosa è andata scemando e spesso le ho confezionate e preparate per Natale, insieme a biscotti e altre delizie.

In Sicilia, sul web e sui libri di cucina siciliana, esistono tantissime versioni di questo dolce ma vi posso assicurare che per essere una vera cassata siciliana al forno  deve avere all’interno un delizioso strato di pan di spagna, che non sempre si trova, cioccolato, cannella e gli immancabili canditi siciliani (io forse ho abbondato con il cioccolato fondente oltre il peso indicato ma ai peccati di gola non si può mica resistere!)

Con la buonissima frolla dello chef Stefano Laghi ho scelto di preparare i biscottini a forma di cuore che potete vedere nelle foto, perfetti anche essi da regalare o da gustare accoccolati a leggere con una buona tazza di the/ tisana durante un pomeriggio di relax natalizio.

Volete conoscere cosa si regala per Natale nelle regioni delle mie 20 amiche? Andate alla fine del post per scoprirlo.

cassata siciliana al forno

Ingredienti per una  cassata siciliana al forno  
Continua a leggere