Archivio mensile:settembre 2017

peperoni ripieni anelletti (14)b

Peperoni ripieni con Anelletti Palermitani Integrali

Spesso mi capita di chiedere a G. cosa vorrebbe mangiare per pranzo/cena, cosi da farlo contento e non preparare solo quello che piace a me o che vorrei postare sul mio foodblog.

Mentre la caffettiera era sul fuoco e iniziava a gorgogliare mi risponde secco “peperoni ripieni di pasta” rispondo “ok” e lui un po stralunato mi guarda e mi dice “perché esiste?” annuisco e continuiamo la discussione su altro prima di calarci nella nostra vita quotidiana.

Cosi non me lo sono fatta ripetere due volte: ho aperto il frigo e tirato fuori i peperoni che avevo a disposizione comprati in azienda agricola. Noi li mangiamo sempre volentieri e ne faccio grande scorta. Mia suocera prepara una ricetta di peperoni ripieni con il riso e la carne macinata buonissima ma non volevo fare lo scopiazzamento della sua sostituendo semplicemente la pasta.

Con quel che avevo a disposizione tra dispensa e frigo ho preparato questi peperoni ripieni con anelletti palermitani portati direttamente dalla sicilia, una versione nuova tutta integrale. Il ripieno è venuto fuori da solo, perfetto per le origini della pasta: olive e capperi, mozzarella e scamorza e qualche foglia di erba aromatica del mio balcone (hanno resistito alle ferie!) e se vi piace non dimenticatevi i pezzetti di acciuga che con i peperoni stanno benissimo.

In pochi minuti il pranzo è servito per la gioia di G. quando si è seduta a tavola. Potete prepararli in anticipo e riscaldarli al momento di mettersi tutti a tavola, sicuramente saranno ancora più buoni … i gratinati riposati diventano speciali.

peperoni ripieni anelletti (13)b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

spaghetti_zucchine_curcuma (1)b1

Spaghetti alla Chitarra con Zucchine e Curcuma

Adoro preparare la pasta in casa, e un formato che faccio spesso sono gli spaghetti alla chitarra. E’ una pasta povera originaria del centro-sud Italia, che prende diversi nomi in base alle dimensioni (troccoli, scialatielli) il più conosciuto è quello di spaghetti alla chitarra, un lungo spaghetto dalla forma quadrata fatta di semola e acqua, è chiamata Chitarra perché viene preparata usando un apposito attrezzo fatto con corde di chitarra, potete acquistarlo quied è molto divertente usarlo, altrimenti potete munirvi di una trafila per la macchina sfogliatrice come nel mio caso.

Io ne preparo sempre in abbondanza e li surgelo su comodi vassoi porzionati, cosi da poterli usare quando voglio e in base al numero di commensali a tavola. Gli spaghetti alla chitarra si prestano per tantissimi usi e per rendere speciali anche i piatti più semplici. Il sughino di oggi è veramente semplicissimo, ma molto gustoso, fatto con zucchine (le ultime di stagione) e curcuma.

Per chi non conoscesse ancora la curcuma parliamo di una radice simile esteticamente allo zenzero che viene essiccata e grattugiata. La curcuma viene usata nelle cucine etniche di mezzo mondo per preparare il mix di spezie che noi chiamiamo curry o al posto dello zafferano nei paesi del Magreb, perché molto meno cara rispetto ai pistilli di questo fiore. Viene usata per insaporire, addensare e colorare le pietanze, ma allo stesso tempo ha un grande potere curativo per il fegato o almeno cosi si dice.

Se volete mettere a tavola qualcosa di sfizioso non vi resta che seguire la ricetta appena qui sotto e un nuovo piatto che profuma di spezie sarà pronto in pochi minuti.

spaghetti_zucchine_curcuma (9)b


Ingredienti per 4-5 persone

Continua a leggere

tiramisu_pastorizzato (23)b

Tiramisù Pastorizzato in Jar

Per tutta la mia vita ho provato una sola ricetta di tiramisù quella di mia madre. Presa da una vecchia enciclopedia di cucina a volumi. Ricordo ancora il titolo del volume: “il formaggio”, quando ero bambina trovavo assurdo che uno dei miei dolci preferiti fosse fatto con il formaggio, di solito il formaggio si usa per altro, poi se paragonato ai sapori forti dei formaggi siciliani capite bene la mia reticenza. Passati gli anni l’ho fatto cosi tante volte che ricordo quella ricetta a memoria, senza bisogno di controllare le dosi, la faccio ormai cosi meccanicamente che anche G. l’ha imparata a fare e devo dire con un discreto successo. La mia cognatina V. tutte le volte che mi vede e si parla di dolci mi dice sempre che con la ricetta del tiramisù va sul sicuro e fa un figurone.

Avevo provato qualche settimana fa la crema al mascarpone di Montersino (qui) sapete di chi parlo, uno dei pasticceri del momento e l’ho usata per preparare questo dolce, e me ne sono innamorata cosi mi sono decisa a provarla nel tiramisù ed eccomi qui, con una nuova ricetta buonissima del tiramisù! Non è opera mia ma vi assicuro che vale la pena farlo e rifarlo parecchie volte.

 tiramisu_pastorizzato (24)b

Ingredienti per 8 persone

Continua a leggere

Pollo e Patate allo Za’atar in padella

Quando ho ricevuto questo mix di spezie per la prima volta non sapevo cosa fosse, la persona che me lo regalò a stento ricordava il nome esatto, poi ho scoperto il suo profumo e me ne sono innamorata. Lo Za’atar (o zaa’thar o zathar o zaatar) è un mix di erbe e spezie libanese, si usa come il nostro insaporitore per condire le verdure o per il pollo o semplicemente strofinato sulla pasta della focaccia per farne una deliziosa pietanza da condividere con i commensali.

Io lo uso per insaporire un po di tutto e il suo profumo riempie la casa di magia, una ricetta che preparo abbastanza spesso è il pollo e patate allo za’atar semplicissimo buonissimo e perfetto per grandi e piccini, ne avevo fatto tempo fa una versione della stessa ricetta utilizzando i sacchetti da forno (qui) e una versione con i porri qui.

Questa versione in padella è veramente deliziosa e a G. piace tantissimo che spesso si trova a fare la scarpetta nell’intingolo profumato, ho provato a farla anche nel tajine dove viene buonissima ma sfortunatamente il mio si è crepato e non ho avuto modo di acquistarne uno nuovo.

pollo_zaathar (13)b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

pasta_zucchine_ricotta (28)b

Spaghetti con Zucchine Grigliate e Crema di Ricotta di Pecora

Quando ero piccola si mangiava pasta asciutta rossa, si per buona parte della mia infanzia la pasta era immancabilmente tinta di rosso: al pomodoro, al sugo di polpette, al ragù, con il pesce; il pomodoro doveva essere sempre presente, vengo dal sud è il pomodoro è praticamente onnipresente! Ma c’era un piatto che non mancava mai sopratutto a casa dei nonni: la pasta con la ricotta, semplicissima pietanza del sud italia e piatto popolare siciliano, dove la ricotta ha una vita tutta sua ed è un ingrediente principe di tante preparazioni (cannoli, cassata, dolci vari). Crescendo per fortuna ho imparato che c’erano anche altri tipi di condimento per la pasta come il pesto genovese e non, le creme di verdure e tantissime altre pietanze.

Quando sono diventata abbastanza indipendente in cucina ho iniziato a sperimentare con quello che trovavo in frigo e in dispensa ho iniziato a proporla in svariate versioni della classica pasta con la ricotta: con legumi, con le verdure e a farne dei pesti o semplicemente aggiungendo formaggi per renderla più saporita, con i piselli è senza dubbio la mia preferita. Ora è tempo di zucchine dell’orto e quale migliore occasione per preparare un piatto goloso e freschissimo, versione che anche G. adora, perché gli ricorda l’infanzia. Per grigliare le zucchine ho usato una Bistecchiera in Ghisa, ma se avete le possibilità di farle sul BBQ tutto assumerà il profumo affumicato della legna che arde rendendo questo piatto ancora più rustico.

Io la trovo perfetta per grandi e piccini da mangiare calda o a temperatura ambiente (secondo i vostri gusti) viene fuori un piatto veramente speciale anche grazie alle erbe aromatiche che le conferiscono un profumo tutto estivo (ancora per qualche giorno lo siamo!). Ho usato gli spaghetti perché è sicuramente uno dei formati che più consumo in casa ma voi potete scegliere qualunque formato di pasta vogliate corto o lungo, liscio o ruvido il risultato sarà comunque un successo assicurato!

pasta_zucchine_ricotta (20)b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

lenticchie_erbe_di_provenza_limone (52)b

Lenticchie alle Erbe di Provenza e Succo di Limone

A casa nostra i legumi non mancano mai anche con le temperature torride di quest estate almeno una volta la settimana li preparavo; quando vivevo in Sicilia un piatto tipico dell’estate era la “pasta e fagioli riposata” si avete capito bene riposata, se non amate le zuppe brodose è il piatto perfetto per voi. La zuppa riposata si può fare con tutti i legumi e volendo anche con il minestrone di verdure: diventa cremosa e la pasta anche se morbida assorbe il sapore della zuppa facendola diventare buonissima, non occorre altro che preparare la vostra classica zuppa, se usate un Tegame di Coccio sarà ancora più buona, e una volta inserita la pasta nel liquido bollente, mescolate, coprite e lasciate cuocere per metà del suo tempo, spegnete la fiamma e lasciate che la pasta finisca la cottura e si raffreddi, occorrerà che aspettare l’ora di pranzo e servirla in tavola tiepida con un giro di olio evo buono.

Ho voluto fare una variante più estiva della zuppa di lenticchie ma sempre golosissima insaporendola con gli ingredienti che preferisco le erbe aromatiche e il succo di limone. Non gridate all’eresia! Provatela e ditemi cosa ne pensate… Mettere il succo di limone nei legumi è un usanza mediorientale, vi ho proposto molti anni fa una zuppa di questo genere con le lenticchie rosse decorticate, ma anche con quelle classiche il risultato è fenomenale. In più accostare i legumi con il succo di limone è importantissimo per il nostro corpo, sopratutto se avete problemi di ferro, si avete letto bene. La vitamina C contenuta nel succo di limone come in altri agrumi e in altri frutti aiuta il nostro organismo ad assimilare il ferro non eme, ciò quello presente nei vegetali. Una spruzzata di succo di limone oltre ad insaporire può alleviare piccoli problemi che possono insorgere durante la nostra vita proprio per questa carenza, in maniera del tutto naturale e senza ricorrere a medicinali o altri prodotti sintetici, semplicemente mangiando ciò che ci piace.

lenticchie_erbe_di_provenza_limone (2)b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere

soba (31)b

Soba con Verdure Spadellate e Pepe di Sichuan

Ho sempre avuto una passione per la cucina etnica, quando ho imparato cos’erano le spezie ho iniziato a farne scorta, tanto da riempire armadi e cassetti. La cucina straniera mi permette di viaggiare con la fantasia quando non posso andare lontano da casa. Ho iniziato ormai tanto tempo fa seguendo i consigli dagli parenti / amici viaggiatori e da quelli che invece in quel paese vi sono nati o vissuti. Mi hanno sempre affascinato i sapori orientali, le spezie i colori, le perfette simmetrie di alcuni piatti, cose che nella cucina tradizionale italiana badiamo poco, più presenti in quella orientale.

Prima delle ferie ho fatto incetta di noodles e salsine varie al supermercato (vi ho postato la foto su Instagram di cosa ho acquistato in un raptus di follia) e in più ho ricevuto da mio fratello e mia cognata dei pensierini dal loro viaggio di nozze: set di bacchette, noodles e the. l’imbarazzo della scelta da dove iniziare era tanto, ho deciso di preparare in casa i soba noodles per la prima volta; li avevo sempre mangiati al ristorante etnico o al take away. Ho sbirciato sui libri che ho in casa di cucina etnica e su internet qualche ricetta ma poi ho fatto di testa mia quindi se non trovate attinenza con le vere ricette orientali sapete il perchè, non me ne vogliate.

Intanto cosa sono i soba noodles? Sono dei sottili tagliolini di grano saraceno, che in oriente principalmente in Giappone, si possono mangiare: caldi in zuppa o freddi serviti come contorno alle verdure o spadellati con le verdure stesse. Si cuociono in pochissimi minuti e sono veramente saporiti, molto diversi dagli altri noodles di soja o di riso.

Io ho scelto di spadellarli velocemente con un mix di verdure e la salsa soba creando cosi un piatto vegano ma nessuno vi vieta di aggiungere qualche goloso gambero o dei pezzetti di pollo / maiale, secondo il vostro gusto personale e se siete temerari anche un pezzetto di alga.

soba (10)b

Ingredienti per 2 persone

Continua a leggere

torta_riso_cipolla_breme (69)b

Torta di Riso con Zucchine e Cipolla di Breme e una gita in Montagna

Al rientro a casa dopo le ferie in giro per l’Italia, avevamo ancora qualche giorno di stop prima del vero rientro a lavoro, cosi abbiamo deciso di dedicarlo alla famiglia e di trascorrere un giorno con il piccolo di casa, in vacanza con i nonni in montagna. Una giornata speciale in un luogo speciale: la Valle d’Aosta, ero già stata in questa regione ma in inverno, sotto metri e metri di neve, in una bellissima baita a mangiare polenta e a sciare su lunghissime e bellissime piste de La Thuile grandi come autostrade, forse nella più bella giornata di quell’anno a detta di chi vive li, fortunata!

lago_brusson

Nonostante ami fare trekking non ero mai stata in montagna in estate, una stagione che solitamente dedico alla mia terra, tranne qualche tappa sul mio vulcano, ma li è tutto un po diverso. Ho scoperto un luogo meraviglioso fatto di tantissimo verde, acqua fresca che sgorga da ruscelli, laghi e animali liberi di pascolare, siamo stati in Val d’Ayas una delle prime valli giungendo in questa regione, a poco meno di due ore da casa.

brusson 2

Lungo la strada per raggiungere il piccolo ma caratteristico paesino di Brousson, dove è presente l’omonimo lago e il torrente Evançon, affluente della Dora Baltea. Ho scoperto luoghi che non immaginavo potessero essere cosi diversi rispetto all’inverno. Piccole e deliziose casette curate dal tetto spiovente, balconi fioriti e portici attrezzati per serate tra amici.

laura_brusson

Il questo luogo i castelli sono numerosi e si trovano sparsi per tutta la valle, sfortunatamente non avevamo tempo a sufficienza per fare un giro tra di essi e visitarne almeno uno, ma ci siamo accontenti di una camminata lungo un bellissimo sentiero immerso nel verde al ridosso del torrente, di facile accesso e non troppo lungo.

brusson 1

Mi capita spesso di non sapere cosa cucinare in quest ultimo periodo, sarà che ha fatto troppo caldo anche per me terrona, sarà che le verdure sanno di poco e di niente, sarà che il rientro dalle ferie è sempre traumatico, fatto sta che apro il frigo e resto a fissarlo fin ché il suono che emana mi riporta alla realtà. Ho le cipolle di Breme, le zucchine, le uova e pensavo di fare una frittata banalissima  ma confesso che io non son una grande appassionata di frittate e neanche G. Ormai è tardi per impastare e tirare una pasta brisee ma posso sempre utilizzare una base di altro tipo… che ne dite del riso????

Da siciliana se parlo di riso la mente va subito agli arancini/e (non litighiamo per come si chiamano tanto sappiamo che la sostanza è la stessa!) ma c’è anche la torta di riso al cioccolato e le sfinci di riso e qualche altra ricetta che in questo momento non ricordo. Cosi intanto che il riso cuoceva ho affettato le verdure e iniziato a spadellare. Il risultato un successone una torta di riso dolce e delicata arricchita dal mascarpone che l’ha resa cremosa, se non vi piace o non lo avete potete sempre sostituirlo con una densa besciamella fatta in casa.

Come tutti i gratinati se mangiati il giorno dopo sono ancora più buoni e questo vale anche per questa torta di riso con zucchine e cipolla di Breme. Potete servirla calda o a temperatura ambiente in tante occasioni, farne dei mini tortini usando lo stampo dei muffin o tagliandola a tocchetti  per un buffet saporito con amici vegetariani o intolleranti al glutine.

torta_riso_cipolla_breme (71)b

Ingredienti per 4 persone

Continua a leggere