Polenta Taragna alla Valtellinese

Quando ero piccola ogni inverno trascorrevamo una settimana in montagna con famiglia e a amici; ogni anno la meta era sempre diversa e piano piano abbiamo girato numerose località sciistiche del nord Italia, una più bella dell’altra. A quell’età per me il cibo era cibo potevo solo dirvi se una cosa mi piaceva o meno, solo successivamente ho scoperto la mia passione per esso, e ricordo che molte cose erano nuove e buonissime tanto da volerle mangiare nuovamente una volta tornata sull’Isola. A quel tempo e vivendo in Sicilia molti ingredienti non si trovavano facilmente in commercio come: polenta di grano saraceno, i pizzoccheri e il pane di segale tipico della Valtellina. E tutte le volte le valigie si riempivano oltre che dei classici souvenir di qualche ingrediente nuovo: un pacco di pizzoccheri, un dolce, un formaggio o semplicemente un vasetto di marmellata locale.

La polenta per il nord Italia sopratutto per i paesi di montagna è il pane quotidiano, al posto della pasta per accompagnare sughi con verdure o di carne come vi ho raccontato qui , esistono milioni di polente diverse: a base di mais e altri cereali e con macine di grana diversa. Quella taragna è molto particolare: rustica e saporita perché composta da grano saraceno e mais integrale; al suo interno si possono notare le cariossidi macinate dei chicchi che gli conferiscono una consistenza particolare in bocca ma molto piacevole. Ormai è diventata abbastanza comune nella grande distribuzione e potete trovarla già miscelata in tutti i supermercati di svariate marche e nelle botteghe del bio per un prodotto di nicchia, e credo di averla intravista anche in versione a cottura rapida.

Preparare questa ricetta è semplicissimo, gli ingredienti sono pochi, indispensabile oltre alla polenta taragna è il formaggio casera, tipico del luogo, che mescolati insieme rendono un piatto povero buonissimo e gustoso  a cui difficilmente poter resistere. E’ un piatto molto ricco e può essere consumato in bianco o essere accompagnato da condimenti a base di carne di manzo/ selvaggina o verdure, secondo il vostro gusto personale.

Ho optato per condirne metà con uno spezzatino e la restante mangiata al bianca che ho apprezzato tantissimo perché si possono distinguere bene il sapore della polenta e quello del formaggio casera e apprezzare la rotondità del burro.

Prima che possiate dire: “Ma ci vuole una vita a farla cuocere!” vi posso assicurare che ho usato una pentola antiaderente con coperchio (lo so, le signore valtellinesi a leggere questa cosa potrebbero avere un mancamento) e una volta aggiunto il burro va da sola e non si attaccha al fondo della pentola, ma solo mescolata di tanto in tanto… e se ve ne avanza un pò non buttatela versatela su un piatto o in un vassoio, livellatela e lasciatela indurire e una volta soda ripassatela su una padella dal fondo liscio per qualche minuto, servitela come stuzzichino o contorno in tavola per accompagnare salumi e sott’olio.

polenta taragna (30)b2Ingredienti per 4-5 persone

  • Per la polenta taragna

500g polenta taragna (300 g farina di grano saraceno + 200 g farina di mais)
2 lt acqua [*]
250g formaggio Casera DOP
150g burro
sale marino iodato grosso

[*] se modificate le quantità della polenta ricordatevi che il rapporto di acqua dovrà essere 1:4.

  • Per il condimento

Vi propongo alcuni condimenti per accompagnare la polenta taragna

funghi trifolati
brasato o spezzatino di selvaggina
brasato o spezzatino di manzo

Tempo di preparazione 60 minuti

polenta taragna (3)bDosate l’acqua e versatela in una pentola capiente o se l’avete nel paiolo di rame apposito per la polenta, quando raggiunge il bollore salate con il sale grosso e versate a pioggia la polenta nel liquido, mescolate con le fruste e successivamente usate una spatola di gomma o la tipica spatola di legno. Abbassate la fiamma unite il burro a dadini e mescolate ancora per farlo sciogliere uniformemente, coprite con il coperchio, e fate cuocere mescolando di tanto in tanto per evitare che attacchi al fondo, fino a raggiungere la cottura desiderata, per questo tipo di polenta occorrono circa 45 -50 minuti.polenta taragna (20)bIntanto tagliate il formaggio a fette o a dadini e tenetelo da parte.

Trascorso il tempo per la cottura della polenta, aggiungete il formaggio poco per volta e mescolate per amalgamare gli ingredienti e far sciogliere il formaggio. polenta taragna (25)bServite la polenta taragna alla valtellinese caldissima in bianco o accompagnata da condimento scelto e da un buon bicchiere di vino rosso.polenta taragna (26)b

Cucina Regionale
Lombardia

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someonePrint this page
goedkope energie

6 pensieri su “Polenta Taragna alla Valtellinese

    1. piccolalayla Autore articolo

      Ciao Zia Consu Si molto, Se dovessi rifarla a breve la servire senza niente… semplicemente con il formaggio casera, ma la tua idea del ragù di lenticchie mi piace tantissimo! A presto LA

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *